funghimagazine.it
Funghi Magazine - Il magazine on-line sui funghi d'Italia. Aggiornamenti funghi, articoli e notizie sui funghi, segnalazioni in tempo reale. dove nascono i funghi e la tabella sulle nascite e crescite dei funghi con il Semaforo dei Funghi

22 Luglio – Previsioni fino al 30 Luglio

0 178

22 Luglio - UK Hot Summer

Un’altra settimana di Meteo Estremo tra caldo-sole e nuove “bombe d’acqua” al Nord e caldo Africano, rovente e torrido al Sud

A inizio Agosto la più importante vampata di caldo Africano dell’estate, ma poi il meteo declinerà sotto la spinta di masse instabili Nord Europee

22 LUGLIO – PREVISIONI FINO AL 30 LUGLIO E SGUARDO FIN VERSO INIZIO AGOSTO
PREVISIONI METEO LUGLIO-AGOSTO

Estate Africana al top al Sud Italia, poi anche sul resto d’Italia fino a inizio Agosto poi, lento declino dell’estate al Nord, con frequenti temporali e probabili nubifragi

22 LUGLIO 2018 – Non c’è pace in questa pazza estate dalle mille sfaccettature, per quanto riguarda le nostre regioni Settentrionali, spesso prese di mira da violenti temporali che si alternano a brevi ma intense ondate di caldo Africano.

Non c’è neppure la concreta probabilità che le cose cambino nel corso delle prossime 4/5 settimane dal momento che, i modelli matematici parlano chiaro, anomali-caldi, quanto ingombranti Anticicloni continueranno a stazionare sull’estremo Nord Europa.

Una anomalia Anticiclonica Nord Europea, che va avanti ormai da settimane e mesi

Tutto è iniziato a fine inverno 2017/2018 quando tra Artico e Polo Nord si è avuto il consueto Riscaldamento Stratosferico.

IL RISCALDAMENTO STRATOSFERICO DI FINE INVERNO

Se non hai letto i precedenti articoli, ti ricordo che il Riscaldamento Stratosferico è un fenomeno del tutto normale a fine inverno.

La Stratosfera (parte alta dell’Atmosfera) si surriscalda favorendo la formazione di tenaci Anticicloni nei bassi strati Atmosferici.

Molto meno normale però, è che questo Riscaldamento, che ha generato Anticicloni in area Scandinava o Russa Settentrionale-Siberia, continui a produrre effetti diretti a livello planetario.

Da settimane o del tutto da mesi, tenaci ed irremovibili Anticicloni caldi, a più riprese si irrobustiscono tra la Scandinavia e la Siberia costringendo, ciò che rimane del Vortice Polare, a frazionarsi.

Fossimo in Inverno, ora al posto dei violenti nubifragi, avremmo copiose nevicate e ondate di gelo estremo a ripetizione.

Per fortuna siamo in estate, gli Anticicloni Afro-Azzorriano, nel bene e nel male, per lo meno tentano di frenare queste masse fresche ed instabili che scendono dalla Russia verso la Francia ed il Mediterraneo.

SCANDINAVIA CON SPIAGGE AFFOLLATE. MEDITERRANEO BOLLENTE. ALPI CONTESE DALLE DUE DIVERSE CIRCOLAZIONI

20 luglio - Svezia caldo luglio 2018
Parchi e spiagge affollate in Svezia. Migliaia di persone in cerca di refrigerio o di una insolita tintarella

Succede in questo periodo, ma soprattutto accadrà tra fine Luglio ed inizio Agosto, che le spiagge della Scandinavia si riempiranno di turisti in cerca di piacevole caldo estivo.

Al contrario, nel Mediterraneo, il caldo torrido ed opprimente degli over 40°C costringerà i turisti, in pieno giorno, a rifugiarsi in alberghi attrezzati con aria condizionata o a rimanere ore ed ore in ammollo nel mare.

Le Alpi e più in generale il Nord Italia, sarà continuamente conteso da entrambe le circolazioni.

Ora prevarrà il caldo Africano, ora gli sbuffi freschi-instabili Nord Europei.

A far da pacere tra il caldo torrido Africano ed il fresco Nord Europeo, i violenti temporali, nubifragi e le possibili “bombe d’acqua”.

SUPERCELLE TEMPORALESCHE

Si contano ormai a decine gli episodi di violenti temporali generati da Supercelle temporalesche nel Nord Italia.

Un fenomeno tipico dell’estate ma affatto comune.

In passato questi episodi si contavano sulle dita di una mano, nel corso di un’intera stagione estiva.

Ora per quantificare questi fenomeni ne occorrono già due di mani.

Le Supercelle temporalesche sono grandi cumulinembi che si formano per la cura contrapposizione tra aria fredda presente in quota ed aria rovente ed umida del suolo.

Le si riconosce facilmente perché sono caratterizzate da cumuli imponenti, dalla forma arrotondata e stratificata.

Sono precedute da fortissime raffiche di vento (che i giornalisti si ostinano a chiamare erroneamente “trombe d’aria”).

Portano violenti scrosci di pioggia o nubifragi (che oggi chiamiamo comodamente “bombe d’acqua”).

Possono generare anche furiose e distruttive grandinate con “proiettili” grandi come noci e talvolta pure come palle da tennis.

NUBIFRAGI, GRANDINATE E SUPERCELLE NELL’ULTIMA SETTIMANA

22 LUGLIO 2018 – Sono davvero numerosissimi gli episodi accaduti nel corso dell’ultima settimana al Nord, poi in estensione verso il Centro Italia.

In questo articolo, tutti i dettagli di una infausta giornata di maltempo al Nord.

TEMPORALI COLPISCONO IL NORD ITALIA, 16 LUGLIO 2018

Se non lo hai ancora letto, ti consiglio di dargli un occhio per capire come agiscono queste insolite Supercelle temporalesche.

Supercelle temporalesche si sono registrate il giorno 16 nel Savonese, tra Modena e Bologna, nella bassa Veneta, nella bassa Romagna e nel Pesarese.

Tra il tardo pomeriggio di Venerdì 20 e la giornata di Sabato 21 altre Supercelle temporalesche si sono formate nel Chivassese in provincia di Torino e nel Biellese con anche grandinate.

É stata poi la volta di Monza e Brianza con fortissime raffiche di vento e rovesci da allagamenti.

Colpita anche la Bergamasca e poi Bresciano, successivamente l’Emilia e poi il Veneto con spettacolare Supercella a Padova.

Ieri è toccato anche al basso Piemonte tra Alessandrino ed Astigiano con accumuli di pioggia fino a 70 mm in un’ora.

Ancora una volta tra Imperiense e Savonese nuovi eclatanti nubifragi.

Liguria ancora protagonista ieri con Supercelle temporalesche tra Lavagna e alta Valle del fiume Vara poi nel resto dello Spezzino e Appennino Tosco-Romagnolo.

Meno diffusi ma sempre forti, i temporali sono poi giunti nel Centro Italia.

Ed ora che cosa accadrà? Come sarà il tempo della settimana entrante?

22 LUGLIO – PREVISIONI DEL TEMPO A BREVE E MEDIA SCADENZA
situazione del 22 
luglio e previsioni fino al 30 Luglio e oltre fino a inizio Agosto

Domenica 22 Luglio
Oggi ultima instabilità ma il tempo tende a migliorare (non dappertutto)

Sarà una giornata decisamente più soleggiata al Nord Ovest, anche se non mancheranno altri rovesci nel pomeriggio, più Perturbata al Nord Est con maltempo in arrivo al Centro Italia.

Nel corso della mattinata prevarrà il bel tempo al Nord ma con nubi di passaggio tra basso Piemonte e Liguria ed ultima instabilità in Alto Adige-Alpi Giulie.

Rovesci temporaleschi transitano tra Pisano-Chianti-Mugello ma soprattutto rovesci temporaleschi interesseranno l’Appennino Tosco-Romagnolo, soprattutto quello Centro-Orientale.

Dalla Spagna masse d’aria instabile si muovono sospinte da tese correnti Occidentali verso il Tirreno.

Nel corso del pomeriggio cumuli temporaleschi si formeranno sul Cuneese, nello Spezzino ed in Emilia Romagna, soprattutto nelle zone Appenniniche. Qualche rovescio locale in Triveneto.

Anche tra Toscana, Romagna e Marche poi entro sera peggiorerà su tutto il Centro Italia, soprattutto in Emilia Romagna, alta Toscana, litorali dell’alto Adriatico dalla Laguna Veneta alle coste del Molise.

Qualche rovescio potrebbe giungere anche in Umbria, Abruzzo, Lazio, meno probabili tra alta Campania e Gargano.

Isolati rovesci ancora possibili più a Sud tra Calabria Tirrenica reggina-Etna e Messinese.

Venti tesi da Occidente ovunque tranne che al Sud dove saranno variabili tra Nord e Sud con locali prime diminuzioni termiche.

Lunedì 23 Luglio
Maltempo in arrivo al Sud Italia. Bel sole al Nord

Oggi il maltempo si sposta verso il Sud Italia.

Sin dal mattino rovesci e temporali interesseranno ancora la Romagna, la Toscana e le Marche-Umbria ma il maltempo tenderà rapidamente a portarsi più a Sud liberando i cieli a Nord.

Nel Nord Italia splenderà il sole con nubi residue e qualche doccia tra Carnia-Carinzia e Giulie-Carso poi nel pomeriggio anche sulle Dolomiti in forma locale.

Il maltempo raggiunge il Sud.

Dalla Maremma Toscana-Laziale alle coste tirreniche di Reggino e Messinese sarà tutto un fiorire di cumuli temporaleschi con maltempo invece più diffuso ed esteso sulle regioni interne ed Adriatiche.

Nel pomeriggio possibile forte maltempo tra Gargano-Daunia, Irpinia-Vulture, Metapontino-Pollino-Crati ma in genere potrebbe piovere in tutto il Sud Italia tranne in Sicilia.

Entro sera il maltempo cessa tra Abruzzo-Lazio, si esaurisce in Campania e prosegue localmente tra Puglia, Basilicata, Calabria e solo nel Messinese in Sicilia. Migliora in Salento.

I venti ruotano da Nord e le temperature diminuiscono ovunque tranne al Nord dove il bel tempo ed il sole splendente riporta aumenti termici fino a 30/33°C.

Martedì 24 Luglio
Giornata quasi ovunque soleggiata. Brevi locali docce sui monti del Nord Ovest e Reggino

Sarà una giornata decisamente più soleggiata sulla gran parte d’Italia.

Sin dal mattino bel sole splendete ma, nel corso del pomeriggio la solita instabilità porterà nubi cumuliformi ad addossarsi ai monti del Nord.

Docce, rovesci e temporali interesseranno le Alpi Occidentali dal Cuneese alla Val d’Aosta, Vallese e Canton Ticino.

Più ad Est altri rovesci tra Lombardia Nord Orientale e Trentino poi sulle Dolomit-Carnia-Carinzia-Giulie e forse anche Carso.

Nel resto d’Italia splende il sole ed aumentano leggermente le temperature ma in Calabria il tempo peggiora per nubi marittime con temporali al seguito.

Lungo la Catena Costiera calabra fin sul Poro ed Aspromonte si formeranno cumuli con docce e temporali in esaurimento a Nord ma in prosecuzione fino a tarda sera sul Reggino.

Improbabile il coinvolgimento della Sila, forse quella Occidentale e del Messinese, forse Nebrodi-Peloritani.

In serata migliora ovunque tranne sulle Alpi Cozie-Graie-Pennine-Lepontine-Retiche-Vallese Svizzero con ulteriori insistenti rovesci e temporali.

Mercoledì 25 Luglio
Pomeriggio instabile sulle Alpi. Qualche doccia al Centro poi bel tempo

Oggi il maltempo temporalesco proseguirà sulle Alpi Settentrionali soprattutto dal pomeriggio.

Tra alto Piemonte e alta Lombardia proseguiranno docce e temporali mentre forte maltempo interesserà ancora la Svizzera Centro-Occidentale con sconfinamenti continui tra Ossola e Varesotto-Lario.

Nel corso della tarda mattinata i primi episodi temporaleschi con apice del maltempo nel pomeriggio.

Entro fine pomeriggio temporali e rovesci anche in Trentino e Veneto montano.

Qualche doccia-rovescio arriverà nelle zone interne a cavallo tra Toscana-Umbria-Lazio.

Tuscia-Maremma Laziale-Amiata-Val di Chiana dovrebbero essere le zone con più probabilità di avere docce e temporali.

Instabile con possibili temporali anche tra Lunigiana-Garfagnana-Appennino Tosco-Romagnolo Occidentale.

Splende il sole altrove con temperature in aumento fino a 35°C in Pianura Padana con valori sopra i 30, ma più contenuti al Sud.

Giovedì 26 Luglio
Oggi leggera instabilità Alpina e Appeninica

Anche oggi avremo una leggera instabilità sulle Alpi ed Appennini ma il tempo tende a migliorare e scaldare altrove.

Sin da inizio pomeriggio consueta instabilità con docce e rovesci tra Imperiense-Val di Centa, Cuneese, Alpi Liguri-Marittime-Cozie e Graie.

Incerto il coinvolgimento delle Pennine e Lepontine, invece più certa la presenza di rovesci tra Trentino e Dolomiti e su tutto il Friuli.

Qualche rovescio ancora possibile tra Lunigiana-Garfagnana-Apuane-Abetone.

Più a Sud i rovesci più probabili nelle zone interne Appenniniche di Lazio-Abruzzo-Sibillini-Frosinate-Irpinia ma in genere Abruzzo e Molise interni fin sull’alta Campania.

Forse ancora qualche rovescio tra Reggino e Vibonese soprattutto attorno al Poro.

In serata migliora ovunque ma qualche debole ultima doccia potrebbe ancora verificarsi sulle Alpi Occidentali ma migliora anche qua.

Temperature in aumento dove non vi saranno rovesci, fino a 35°C a Bolzano-Bologna-Firenze, oltre i 30°C in genere sul resto d’Italia tranne vicino al mare.

Venerdì 27 Luglio
Ancora instabilità sulle Alpi Occidentali. Sole altrove

Senza sosta continuano ad arrivare sbuffi d’aria instabile con leggeri aliti di Libeccio al Nord Ovest.

Quanto basta per portare altri rovesci e temporali sulle Alpi Occidentali, espressamente dall’Imperiense alla Valsesia.

Il tempo andrà peggiorando nel corso della tarda mattinata ed entro inizio pomeriggio.

I rovesci temporaleschi più importanti per ora sono previsti tra Ormea-Nava-Alpi Marittime-Cozie e Graie ma il lasso di tempo tra oggi e Venerdì 27 è tale da consentire variazioni rispetto a quanto prospettato dai modelli matematici.

Il maltempo potrebbe perciò interessare un’area più ampia con temporali dapprima sulle sole Alpi poi anche sulle Pedemontane Occidentali e piano.

Sul resto del Nord Italia al momento si prevedono docce e rovesci pomeridiani sul Bresciano montano, Liguria di Levante fin sulla Garfagnana, ma soprattutto sul Cadore-Carnia-Carinzia e su tutto il Friuli, al solito.

Nel resto d’Italia leggera instabilità per sbuffi da Nord nelle zone interne dell’Appennino Meridionale espressamente tra Frosianate-Molise-Campania fin sull’Irpinia ma il maltempo in queste aree è soggetto a variazioni.

Forse l’Anticiclone Africano potrebbe iniziare a rimontare verso Nord ma più facilmente gli sbuffi instabili da Nord potrebbero portare docce e rovesci anche tra Colline Metallifere-Amiata-Tuscia e quindi più rovesci anche nell’Appennino meridionale.

Temperature stazionarie.

Sabato 28 Luglio
Solita instabilità Alpina ma localmente anche in Appennino

Sembra destinato a migliorare leggermente il tempo in Italia ma gli sbuffi instabili da Ovest o Nord Est non sembrano voler cessare.

Al mattino sole ovunque con forse qualche doccia tra Alpi Carniche e Carinzia.

Peggiora sensibilmente tra Svizzera ed Austria con diffusi e forti rovesci e temporali sui Paesi Alpini.

Ovviamente, parte di questa instabilità potrà sconfinare sulle aree Alpine italiane.

Entro il pomeriggio nuovi rovesci sul Cuneese, forse anche Imperiense.

Più ad Est sulla Liguria Appenninica di confine tra Emilia e Toscana con più probabilità di rovesci tra Lunigiana-Garfagnana-Apuane fin sul litorale Viareggino.

Nel resto del Nord bel tempo ma con sensibile peggioramento pomeridiano tra l’alta Lombardia Orientale, Trentino Alto Adige, Veneto montano e tutto il Friuli tranne i litorali.

Qualche doccia o rovescio potrebbe nuovamente formarsi nelle zone interne dell’Appennino Meridionale ma non è esclusa anche la zona a cavallo tra Amiata-Val di Chiana-Tuscia, Frosinate-Sibillini.

Entro sera migliora ovunque e cessano le docce.

Temperature ancora stazionarie.

Domenica 29 Luglio
Incertezza previsionale tra Anticiclone caldo in arrivo da Sud Ovest e ancora sbuffi instabili da Nord Est

Si complica la previsione del tempo per la Domenica ed i giorni a seguire.

Il modello matematico Americano GFS prevede infatti un rapido avanzamento verso il Nord Italia di un Anticiclone a matrice Africana in arrivo dalla Spagna.

Se ciò fosse vero il tempo migliorerebbe al Nord Ovest con più sole e molto più caldo con caldo torrido in Sardegna.

Di diverso avviso però il modello Europeo ECMWF che prevede ancora latenza di aria instabile fresca in quota all’origine di diffusa instabilità pomeridiana su Alpi ed Appennino interno.

Docce e rovesci sarebbero quindi ancora probabili nelle aree montane e temporaneamente anche sulle valli limitrofe.

L’ipotesi Ecmwf non depone a favore di una buona domenica.

22 luglio 2018
EVOLUZIONE A SEGUIRE

Per il modello Americano GFS:

Anticiclone Africano sempre più proteso verso l’Italia Occidentale.

Non saremmo ancora in una fase rovente ma la cappa Anticiclonica potrebbe già esser tale da consentire forti aumenti termici fino verso i 36/38°C al Nord e Sardegna, poi dopo il 1° di Agosto Anticiclone Africano più convinto per almeno la prima settimana di Agosto con apice del caldo e poi retrofront.

Per il modello Europeo ECMWF:

Anticiclone Africano meno convinto, meno forte e meno invadente a Luglio.

Potrebbe tuttavia diventare opprimente nella prima settimana di Agosto con successiva fase di rapido peggioramento per una grossa Goccia Fredda Artica in discesa dall’Islanda verso Sud.

Probabile coinvolgimento a più riprese del Nord Italia ma a tratti anche nel resto d’Italia con possibilità che Agosto faccia flop dal punto di vista estivo con frequenti temporali soprattutto nelle zone interne e montane.

Ci torneremo con più adeguati approfondimenti.

16 Luglio 2018 – previsioni fino al 22 Luglio ed oltre
Scritto e pubblicato da Angelo Giovinazzo Alias Angelo Giovi @ Meteomag.it

Contatta l’autore

Articolo precedente: previsioni fino al 23 Luglio

22 Luglio – Previsioni fino al 30 Luglio


Previsioni fino al 15 Luglio

8 Luglio – Previsioni fino al 14 Luglio


Italia a 2 facce. Violenti temporali al Nord. Caldo rovente al Sud

SEGUI IN DIRETTA CHE TEMPO FA SULL’ITALIA CON IL NOWCASTING:

Osserva le piogge in diretta con la nuova pagina RADAR METEOROLOGICI
Segui la distribuzione delle nuvole sull’Italia ed Europa con la pagina SATELLITI METEO/IMMAGINI SATELLITARI

Guarda che tempo fa sulle Alpi grazie alla pagina Meteo Monte Rosa con immagini webcam live, temperature e statistiche.

L’articolo 22 Luglio – Previsioni fino al 30 Luglio proviene da Meteomag.

Source: Meteofunghi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: