Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024

Arrivano i Neri! Aggiornamento Porcini 12-07-2024

Se non lo hai ancora fatto, clicca sulle immagini per vedere il nostro ultimo video pubblicato sul canale YouTube: Strabiliante ritrovamento di Funghi Porcini nel Cuore del Trentino ❤️ Videoreportage (Beppe Marconi) dalla Chat Telegram Funghimagazine.it

Arrivano i Neri! Aggiornamento Porcini 12-07-2024

Dopo i primi cenni di caldo africano senza più piogge anche al Nord, ecco arrivare i primi Porcini Neri, già localmente presenti da qualche giorno. Fine settimana ricco di Porcini in molte zone del Nord, purtroppo non ovunque, nascite in diminuzione al centro, stop al Sud. Vediamo dove stanno ancora nascendo

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Introduzione

Entra finalmente nel vivo la stagione dei funghi Porcini per buona parte del Nord e Centro Italia ma, l’ondata di caldo tropicale, da poco iniziata e ormai in prosecuzione per un discretamente lungo lasso di tempo, le fermerà partendo dal Sud, arrivando al Centro e fin sulle zone più meridionali del Nord.

A fermarle non sarà però il bel tempo in sé, quindi l’assenza di piogge ma, piuttosto l’intrinseca caratteristica delle masse d’aria calda d’estrazione africana, che hanno il pessimo difetto di seccare rapidamente tutto quanto, innescando fenomeni di evapotraspirazione a dir poco esagerati con funghi già nati che rapidamente si screpolano, si creapano, si deformano e miceli che, subiscono il fenomeno dell’osmosi inversa, ossia, anziché assorbire umidità, la perdono, di fatto avvizzendo.

Man mano che il caldo avanza e l’aria si fa gradualmente più secca, le nascite di Porcini e altri funghi cessano, ritirandosi dalle zone costiere e dalle pianure ai colli più elevati, subito dopo sui monti, fino a rifugiarsi nelle poche conche fresco-umide d’alta montagna.

Se il passaggio dal fresco-umido preesistente al caldo-secco in arrivo è troppo rapido, è possibile che, anche dove finalmente ha smesso di piovere, inizia a splendere il sole e a fare caldo, potrebbe non nascere nulla per effetto di rapido passaggio “dalla padella alla brace” ovvero, da una condizione avversaabiotica ad un altra abiotica ancora peggiore.

Zone boschive alpine che solitamente, negli anni passati, iniziavano a sfornare le prime buttate di Porcini chiari autunnali (Boletus edulis) a partire da fine giugno o al più tardi da metà luglio, quest’anno potrebbero rimanere ferme al palo, se continuerà a piovere ogni qualvolta in cui, dopo un paio di giornate calde e soleggiate, torneranno temporali che riversano diverse decine di millimetri di pioggia in poche ore, oppure se i boschi perderanno umidità troppo rapidamente, con indurimento repentino delle lettiere di foglie, disidratate dall’eccesso di caldo africano.

Dire come potrà proseguire questa discreta ondata di nascite di Porcini non è dato di saperlo, così come non si può sapere se, come e quando inizieranno le prime nascite di Porcini edulis alpini, dal momento che non sappiamo se gli Anticicloni a matrice africana, già presenti e in ulteriore arrivo nelle prossime settimane, saranno intenzionati ad espandersi anche oltr’Alpe, oppure se rimarranno confinati a sud del Po, con conseguenti infiltrazioni fresco-umide sulle Alpi, dove potrebbe continuare a far fresco e a piovere incessantemente.

Per ora possiamo solamente limitarci a consultare con frenesia gli articoli meteo in cui viene espressa la linea di tendenza meteo per l’estate 2024.

Quel che è certo è che i Porcini chiari autunnali-edulis non amano condizioni meteo estreme, non amano la persistenza del fresco-umido ad oltranza, così come non amano il caldo eccessivamente secco. Loro desiderano boschi moderatamente asciutti, ma con aria umida e temperature che possibilmente rientrano in un range di 12°C di minima e 24/25° di massima estrema, meglio se prevalentemente prossima ai 20/22°C.

ARRIVANO I NERI!

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Seconda parte

Decisamente in orario rispetto agli ultimi anni, con l’arrivo dei primi sbuffi caldi, post-temporali, ecco che al Nord, a sud del Po, sono già arrivati i primi Porcini Neri (Boletus aereus)

Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Porcini Neri-aereus del basso piemonte della seconda settimana di luglio 2024

Per chi non lo sapesse, i Porcini Bronzini/Neri/aereus hanno una caratteristica decisamente distintiva, che li rende un po’ più volubili, capricciosi ed esigenti rispetto alle altre 3 specie di Porcino presenti in Italia: necessitano di shock termici per poter fruttificare.

Cosa sono gli shock termici?

Semplice, rapidi cambiamenti di temperature, con repentini passaggi dal caldo al fresco o freddo ed altrettanto rapido ritorno al caldo. In pratica, dopo una fase soleggiata calda, è indispensabile l’arrivo di un forte temporale con pioggia fredda o persino con grandine, anche in quantità, purché sia fine, piccola e che non distrugga in alcuna maniera le chiome delle piante micorrizate.

Non si è ancora ben capito quale sia il meccanismo che induce i Porcini Bronzini/Neri a riprodursi solo a seguito di questi shock termici, sta di fatto che se piove frequentemente o se fa costantemente caldo, loro si godono la loro dormienza o la loro abbondanza di nutrienti senza sentire la necessità di riprodursi.

A questo punto, volendo capire dove questa specie porcina assai ambita può già fruttificare, diventa indispensabile sapere dove nel corso degli ultimi 20 giorni ci sono stati forti temporali con i possibili relativi shock termici.

Per farlo, funghimagazine ti mette a disposizione diverse pagine dedicate al Meteo. Anzitutto la pagina ► PIOGGIA ITALIA LIVE attraverso la quale potrai verificare, regione per regione, le mappe di dov’è piovuto nel corso delle ultime 24 ore. Altra pagina ancor più utile è ► PIOGGIA PREVISTA IN ITALIA con le mappe delle piogge previste per i prossimi giorni, senza dimenticare che, allo scopo di sapere dove vi sono stati shock termici recenti, è indispensabile consultare le mappe d’archivio della pioggia caduta in Italia.

Per sapere dov’è piovuto nel corso del 2024 c’è la pagina ► PIOGGIA 2024 e nello specifico puoi consultare le pagine ► PIOGGIA DI GIUGNO 2024 e PIOGGIA LUGLIO 2024 con tutte le mappe della pioggia caduta giorno dopo giorno per l’intero mese.

Senza far troppo mistero, al momento i Porcini Bronzini/Neri/aereus stanno effettivamente nascendo dove, a cavallo tra gli ultimi giorni di giugno ed i primi di luglio, si sono avuti forti temporali, preceduti e seguiti dal bel tempo.

DOVE STANNO NASCENDO E NASCERANNO PORCINI NEL WEEKEND

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Terza Parte

BOLETUS AEREUS

Le zone che al momento vedono le nascite migliori di questa tipologia porcina vanno dal Cuneese all’Astigiano, Alessandrino, Pavese-Piacentino e pedemontane dell’Appennino Ligure-Emiliano, Emiliano-Toscano e Tosco-Romagnolo. Qualche nascita anche in Toscana centrale, Umbria e Marche ma al centro Italia le nascite modeste vanno assottigliandosi per effetto del gran caldo-secco-africano.

Qualche nascita potrebbe essere imminente anche nel Piemonte centrale-settentrionale, Lombardia d’alta pianura-bassa collina e Colli Veneti ma, qua c’è l’incognita dei nuovi temporali in arrivo sin da oggi, che potrebbero fermare nuovamente le nascite proprio al momento opportuno per l’avvio delle fruttificazioni.

Anche in Liguria potrebbe mancare assai poco per le prime nascite di Porcini Neri. Qua gli effetti del Fronte Temporalesco in transito tra oggi e domani non dovrebbero farsi sentire, potrebbe non piovere affatto perciò le fruttificazioni potrebbero non subire rallentamenti. Se tutto andrà bene, sin dai primi giorni della settimana entrante, ai già presenti Porcini estivi (Boletus reticulatus/aestivalis) di alta collina-bassa montagna, si potrebbero affiancare anche i Porcini Neri dei litorali e colli.

Con l’arrivo del caldo africano un cenno di buttata di Porcini Neri si potrebbe avere anche in alta Toscana, anche qua già ripagata da discrete o buone nascite di Porcini Estivi.

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – NORD ITALIA

NORDOVEST

Al di là dei Porcini Neri, continuano incessanti ed inesorabili le nascite di Porcini, là dove già stavano nascendo nei giorni scorsi. Incredibile verificare come, vi sono zone del basso Piemonte e Liguria interna, oltre che del Pinerolese-Torinese che stanno continuando a registrare nascite di Porcini ormai da quasi un mese consecutivo. Di seguito alcuni selfie dei membri della nostra chat Telegram: Giuseppe Giamblanco, Riccardo Spagnoli, Teoninja Toniolo e Matteo Fungomatto.

Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – I selfie dei membri della nostra chat Telegram

Nascite che, come spiegato nell’articolo di aggiornamento precedente, sono in gran parte dovute al lunghissimo protrarsi della siccità degli ultimi anni, che di fatto hanno impedito nascite di Porcini (tranne che nel Torinese) e quindi totale assenza di riproduzione dei miceli. Con il ritorno delle piogge, e quindi di abbondanza di nutrienti, i miceli hanno potuto tentare di allargare il proprio raggio d’azione, innescando nuove nascite e nuove aree di acquisizione di nutrienti.

Data l’abbondanza di nutrienti che senso avrebbe far cessare le nascite troppo rapidamente? Oltretutto fino ad ora, non solo vi era grande abbondanza di nutrienti ma, in zona vi sono state anche deboli piogge, in alcune zone appena più importanti ma mai ossessive come a Nord del Po. Non solo buone e giuste piogge, ma anche tassi d’umidità assai elevati con assenza di screpolature-spaccature sui cappelli di funghi Porcini.

Temperature prossime ai 16/20°C hanno consentito anche nascite di Porcini Rossi (Boletus pinophilus) in zone montane a quote medie o persino medio-alte.

Nel corso del fine settimana si potrà andare tranquillamente a cercare Porcini Rossi in Valle d’Aosta, dopo le nascite di bassa montagna, ora a quote leggermente più elevate. Attenzione però alle zone che la scorsa settimana hanno subito piogge alluvionali. Dove sono caduti più di 50/80 mm con punte anche oltre i 100, le nascite di Porcini si sono giustamente bloccate. Puoi verificare dove ciò è accaduto consultando le mappe della pioggia del mese di Luglio.

Nel Pinerolese le nascite di Porcini Rossi si sono quasi esaurite, ormai si trovano solamente Porcini adulti o vecchi ma, in compenso sono iniziate in zone montane più interne e prossime al confine francese, anche in Val Susa, ovviamente avendo cura di ricordare che nei locali Parchi è vietata la raccolta funghi, salvo deroghe locali e che in molte zone montane tra Torinese e Cuneese vi sono parecchi boschi di solo Larice che non sono in grado di ospitare funghi Porcini.

Qualche nascita di Porcini estivi la si sta registrando nelle poche zone del Canavese che non hanno avuto piogge a ripetizione e qualcuna in più nella provincia del VCO Verbano-Cusio-Ossola. Eporediese-Biellese-Valsesia-Vercellese e alto Novarese continamente bersagliate da piogge a profusione e fresco fuori stagione vedono nascere solamente milioni di lumache senza guscio (Limacce). Senza contare poi che, suoli resi particolarmente friabili-teneri dalle continue piogge, diventano il bersaglio preferito dall’esagerato e sproporzionato numero di cinghiali presenti che, non contenti di cercare larve, si nutrono anche di tenere, succulente e dolci radici micorrizate con danni enormi oltre che al Regno dei Funghi, all’intero ecosistema boschivo, ivi incluso quello vegetale.

In Lombardia situazione analoga all’alto Piemonte. Vi sono zone vocate ai Porcini Rossi ed Estatini-Edulis precoci che, continuamente bersagliate da piogge a ripetizione vedono nascere ben poco o nulla. La Valtellina ha nascite a macchia di leopardo, tutto dipende da dove e quanto è piovuto e quanto ha fatto freddo. Per fortuna la dispozione lungo i paralleli della vallata, la rende più calda rispetto alle vallate orbobiche-bergamasche ma non così calda da consentire nascite ovuque.

Nei giorni scorso c’è stato un timido avvio di nascite nel Varesotto, ora in pieno boom ma, il ritorno dei possibili temporali tra oggi e domani potrebbe bloccarle nuovamente rapidamente. Orobie sotto scacco continuo dei temporali. Ora si potrebbe avere qualche nascita se i temporali si limiteranno ad interessare i versanti Nord e non quelli Sud.

Oltrepò pavese già accennato per i Porcini Neri, avrà sicuramente altre nascite ma, a bassa quota non più Estatini che si rifugiano sui monti con l’avanzare del caldo.

In Emilia Romagna è festa grande date le abbondanti piogge di fine giugno. Non dappertutto si sono avuti shock termici indispensabili per i Porcini Neri e per gli Edulis e Rossi, pertanto, in quasi tutta la regione si registrano per lo più nascite di Porcini Estivi così come nella vicina Liguria, sia di Levante che di Ponente.

Al momento risultano più produttivi i boschi di Faggio rispetto a quelli di Castagno. Buone le nascite anche in boschi misti e persino in boschi di montagna d’abete o Pino. Inutile citare zone specifiche perché, grosso modo, nascite di Porcini si stanno avendo ovunque, qua meglio, là peggio, a seconda dei quantitativi di piogge recenti caduti e della locale ventilazione-orografia, dall’Imperiense al Savonese-Genovesato-Spezzino al Modenese-Reggiano-Appennino e pre-appennino Bolognese e Romagnolo.

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – NORDEST

Ancora buona o localmente persino ottima la situzione nascite di Porcini (e pure Finferli e altri) in Trentino Alto Adige. Continuano le nascite in Trentino, ora per lo più di Porcini Estivi a quote basse, medio-basse e medie, ancora qua e là Porcini Rossi sui monti ma, in alcune zone è piovuto parecchio recentemente con nascite rallentate o bloccate.

Migliorano le nascite in zone di confine con la Lombardia, ora con moltissimi Finferli attorno all’Adamello e monti limitrofi, si iniziano a trovare Porcini anche in zona, sia Edulis che Rossi. Ottime nascite al confine col Veneto a Sud del Torrente Avisio ma, in linea di massima anche in Alto Adige c’è il problema delle piogge recenti e del freddo latente. Quasi tutto il Tirolo infatti al momento vede nascite di soli Finferli ma pochi o pochissimi Porcini. Ciò accade maggiormente a Nord dell’Avisio e ancor di più-soprattutto a Nord dell’Isarco. Qua il mix freddo-piogge consente per lo più nascite di Finferli e pochi Porcini Rossi.

In Veneto finalmente ottime nascite, non dappertutto però, per esempio alcune zone ai piedi del Grappa già vedono Porcini estivi adulti a fine corsa, Altopiano di Asiago e Pasubio con poche nascite, in fase d’avvio solo ora, per via di recenti piogge. Zone collinari del Veronese-Vicentino con piogge molto forti nei giorni scorsi, vedono le nascite ancora ferme al palo ma, dove non è piovuto granché finalmente arrivano i Porcini Neri e gli Estivi.

Dolomiti in ottimo splendore, in alcune zone si registrano nascite ormai da inizio mese, qua e là già si trovano però porcini adulti. I Porcini Rossi dove vi sono boschi adatti per questa tipologia porcina, si trovano per lo più sui monti a quote oltre i 1100 mt. Anche qua però vi sono state piogge abbondanti recenti perciò è d’uopo segnalare nascite a macchia di leopardo così come in Friuli Venezia Giulia.

FVG è una regione complessa dal punto di vista climatico. Qua le piogge sono per lo più orografiche, ovvero si concentrano maggiormente sui monti sopravvento rispetto alle correnti da Ovest, Sudovest e Sud e nel corso delle ultime settimane i temporali recenti si sono scatenati maggiormente sui monti dove impattano queste correnti.

Alpi e Prealpi Giulie sono state le più bersagliate dai temporali pertanto qua al momento si registrano nascite per lo più di soli Finferli. Porcini estivi e dove possibile anche Rossi e sporadici Edulis si registrano invece nel Parco Naturale delle Dolomiti Friulane e relative pedemontane, Carso e monti di confine con la Slovenia sopravvento, con forti temporali nella provincia di Udine, meno forti in quella di Trieste. Qualche Porcino Nero può arrivare ora nel Carso, a patto che la nuova Perturbazione non scarichi altri forti temporali.

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – CENTRO E SUD ITALIA

Proseguono bene le nascite di Porcini anche a Sud dell’Appennino, soprattutto in Toscana, Marche ed Umbria. Più a Sud ormai le nascite si assottigliano, terminano o sono del tutto assenti.

In Toscana-Marche e localmente anche Umbria, come anticipato, è ora di scendere di quota, dalle cime appenniniche ai basso-colli dove finalmente “arrivano i Neri!”. Dove nel corso della prima settimana di Luglio si sono avuti temporali freddi è ora di iniziare a cercare i primi Porcini Neri che non dovrebbero tardare ad arrivare, prima che l’aria diventi troppo secca e quindi insopportabilmente contraria per nascite di funghi.

Anche i Porcini Estivi non mancheranno di nascere questo weekend ma subito dopo le stesse potrebbero rapidamente cessare per eccesso di siccità dell’aria, oltre che per eccessive ondate di calore. Già Firenze-Bologna e Roma stanno sperimentando temperature attorno ai 36/38°C, il caldo se anche potrà leggermente diminuire nei prossimi giorni, rimarrà comunque sempre prossimo ai +35°C con aria via via più secca.

Approfitta dunque di quest’ultimo fine settimana ideale per i Porcini perché poi potrebbe esserci una pausa di almeno 15/20 giorni.

Al momento situazione ideale per i Porcini nelle province di Massa-Carrara, Lucca, Pistoia, Prato montano. La provincia di Firenze arroventata dal sole, avrà nascite solamente sui monti oltre i 1200 mt, così come pure quella di Arezzo.

Pisa-Livorno-Siena e Grosseto avranno nascite modeste in questo weekend poi nulla più per un po’ di tempo. Dove a inizio mese si è avuto qualche buon temporale potrebbe nascere qualcosa in più ma l’incombente caldo oltre i 35°C non farà che rallentarne le fruttificazioni.

Marche ed Umbria con possibili nascite spot e flash in questo weekend, già a bassa quota ma, rapidamente le fruttificazioni si spostano verso alti colli e solo monti da inizio settimana entrante per poi cessare al di sotto dei 1200/1400 mt per eccesso di calore anche sui monti con zero termico a 4.500/5.000 mt.

Anche nel Lazio interno, monti di confine tra Molise-Campania-Abruzzo-Puglia si potrebbe avere qualche nascita nel weekend.

In linea teorica potrebbe nascere qualche Porcino nel basso Lazio tra le province di Latina-Frosinone, così come in Campania collinare-montana e pure nel Sub-Appennino Dauno oltre che in Cilento, sulla Catena Costiera, in Sila occidentale e centrale, sull’Aspromonte e Messinese, Palermitano orientale ed Etna ma, qua l’incombeza del caldo africano potrebbe impedire che le nascite conseguenti alle sia pur deboli piogge di inizio luglio, possano realizzarsi.

Sempre in linea teorica potrebbe nascere qualcosa in Calabria, dato che qua il caldo morderà meno rispetto al resto del Sud, salvo nella bassa pianura del Crati e costa jonica del Cosentino e Krotonese, grazie ad alcune piogge cadute da inizio luglio.

Caldo folle nella Puglia interna, Basilicata interna, Sicilia interna o in genere meridionale e caldo intenso anche in Sardegna. In tutte queste zone interne si potranno facilmente superare i 40°C, temperature che respingono decisamente nascite fungine. Oltre i 30° le nascite fungine diventano progressivamente più improbabili e impossibili, a volte già oltre i 26/28°C.

Le sia pur deboli piogge cadute in Sardegna a inizio mese, non avranno effetto salvo locali sparute e alquanto improbabili nascite dove si sono avute piogge oltre i 10 millimetri, peraltro assai poche.

Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Concludendo

In conclusione, tempi duri per i funghi dato l’incalzare del caldo africano ma, dove vi saranno sbuffi d’aria meno rovente, tra Alpi e prealpi, si potrà continuare a raccogliere funghi, soprattutto Porcini, anche la prossima settimana.

Il progressivo ipotetico stop al treno di Perturbazioni Atlantiche potrebbe portare finalmente le prime nascite di Porcini edulis al Nord ma, è bene ribadirlo, per ora si tratta solo di ipotesi, in quanto non è ancora dato di sapere se gli Anticicloni Africani si espanderano fino a Nord delle Alpi, oppure se rimarranno confinati a Sud delle Prealpi.

Se continuerà a piovere sulle Alpi difficile gli edulis potranno finalmente arrivare dove di norma iniziano a fruttificare tra metà e fine luglio. Non ci rimane che attendere gli sviluppi e rimandare le conclusioni al prossimo articolo di Aggiornamento nascite funghi, in arrivo nel prossimo weekend o quello successivo, a seconda dell’andamento delle nascite. Con nascite certe e confermate anticipiamo la pubblicazione, altrimenti la rimandiamo.

 Fotogallery – Aggiornamento Porcini 12-07-2024

Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Estatini di inizio luglio 2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Estatini di inizio luglio 2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Pinicola ed Edulis tra Piemonte/Liguria
Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Pinicola dal Piemonte
Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Funghi di inizio luglio 2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024
Aggiornamento Porcini 12-07-2024 – Alcuni selfie dei membri della nostra chat Telegram

Aggiornamento Porcini 12-07-2024@Funghimagazine.it

Angelo Giovinazzo

Divulgatore scientifico, studioso di Scienze Naturali, Micologia, Geografia, Geologia. Tecnico di accoglienza turistica, ex redattore di articoli Meteo. Dal 2018 fondatore/proprietario e amministratore di funghimagazine.it

Questo articolo ha 2 commenti

  1. Avatar
    Tommaso

    articoli molto esaurienti. complimenti

    1. Redazione FM
      Redazione FM

      Ciao Tommaso e grazie mille per l’apprezzamento!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.