Nella categoria “Funghi Commestibili dopo Cottura” ci puoi trovare articoli e schede dedicati a quei funghi che da crudi o poco cotti risultano tossici o persino velenosi ma che, se cotti adeguatamente, per minimo 20 minuti o più, ad una temperatura superiore ai 100°C, perdono le proprie tossine dette “termolabili”, e diventano commestibili. Il fungo commestibile dopo cottura più conosciuto ed apprezzato in Italia è il fungo Chiodino, seguito poi dal Boleto dal Piede Rosso

Cantharellus pallens
Cantharellus pallens

Cantharellus pallens

Cantharellus pallens è una delle 10 specie di Finferlo/Galletto presente in Italia. Scopri le sue caratteristiche, dove vegeta e come riconoscerlo, in questo dettagliato articolo

Continua a leggereCantharellus pallens
Aleuria aurantia
Aleuria aurantia

Aleuria aurantia – il fungo arancia

Aleuria aurantia è un ascomicete dalla caratteristica forma a coppetta di colore arancio. Facile da identificare per colore e "buccia d'arancia". Scoprila su FM

Continua a leggereAleuria aurantia – il fungo arancia

Disciotis venosa – La spia delle Morchelle

Disciotis venosa è un fungo primaverile noto per essere una spia delle Morchelle. Ha forma di coppetta venosa marrone. Commestibile dopo lunga cottura. Scoprila in questo articolo

Continua a leggereDisciotis venosa – La spia delle Morchelle

Helvella crispa

Helvella crispa è un ascomicete provvisto di mitra. Molto diffuso in autunno sporadico in primavera. Ama suoli sabbiosi. Scoprila in questo dettagliato articolo

Continua a leggereHelvella crispa

Laetiporus sulphureus

Laetiporus sulphureus è un fungo assai popolare tra Europa e Nord America, conosciuto in Italia come Nassa, Fungo del Carrubo, all'estero è il Fungo di Zolfo, la Gallina dei boschi. Scoprilo in questa scheda

Continua a leggereLaetiporus sulphureus
Macrolepiota procera
Cesto di Mazze di Tamburo - Macrolepiota procera

Macrolepiota procera la vera Mazza di Tamburo

Macrolepiota Procera o Mazza di Tamburo è uno dei funghi più comuni e popolari in Italia ma, attenzione perché, non tutti i funghi che hanno la loro tipica forma di mazza o ombrello sono Macrolepiota procera. Alcuni sosia sono tossici o anche velenosi e, frequentemente all'origine di intossicazioni o avvelenamenti. Scopriamo le vere Mazze di Tamburo ed i loro sosia

Continua a leggereMacrolepiota procera la vera Mazza di Tamburo

Morchella Esculenta – Spugnola

Morchella esculenta è una delle varietà di Spugnole più comuni, conosciute ed apprezzate. Scopri dove e quando cercarla e molte altre curiosità legate a questo precoce fungo primaverile, sempre più di moda nell'alta cucina internazionale

Continua a leggereMorchella Esculenta – Spugnola
Macrolepiota procera
Mazze di tamburo velenose e commestibili

Mazze di Tamburo velenose. Dai Tropici in Italia il loro sosia tossico

Sei un fan delle Mazze di Tamburo? Allora stai molto attento a ciò che raccogli, perché potresti aver messo nel cesto un sosia tropicale, da poco giunto in Italia e fortemente tossico

Continua a leggereMazze di Tamburo velenose. Dai Tropici in Italia il loro sosia tossico
Armillaria mellea
Armillaria mellea o fungo Chiodino

Armillaria mellea – il fungo Chiodino

Un buon fungo commestibile il Chiodino, responsabile però del maggior numero di intossicazioni da funghi commestibili in Italia, scopri perché. Come distinguerlo dai suoi sosia

Continua a leggereArmillaria mellea – il fungo Chiodino
Leccinellum lepidum
Leccinellum lepidum - foto: Daniele crobu

Leccinellum lepidum il Leccino invernale

Un buon commestibile che può consolare i cercatori di funghi in crisi d'astinenza da funghi Porcini durante la stagione fredda. Abbonda nei boschi mediterranei dopo le piogge, dall'autunno a fine inverno. Descrizione e curiosità

Continua a leggereLeccinellum lepidum il Leccino invernale

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare