funghimagazine.it
Funghi Magazine - Il magazine on-line sui funghi d'Italia. Aggiornamenti funghi, articoli e notizie sui funghi, segnalazioni in tempo reale. dove nascono i funghi e la tabella sulle nascite e crescite dei funghi con il Semaforo dei Funghi

Valcuvia

La Valcuvia è una vallata che si trova nella parte nord-occidentale della provincia di Varese, nota per i suoi vasti boschi dovuti ad un buon clima. Geografia e funghi della vallata

VALCUVIA (VALLATA)

(Varese – Lombardia)  da 254 a 1.235 m.s.l.m

La Valcuvia è una relativamente piccola vallata, che si trova nella parte Nord-occidentale della provincia di Varese, a Nord del lungo massiccio montuoso del Campo dei Fiori.
Il cuore della valle dista 10,5 km a Nord-ovest dal capoluogo Varese e, all’incirca 58,9 km dal capoluogo di regione: Milano.

IL TERRITORIO DELLA VALCUVIA

E’ costituita dal bacino idrografico del torrente Boesio, immissario di sinistra del Lago Maggiore, che nasce nel territorio comunale di Cuveglio e che, scorrendo in direzione Est-Ovest, sfocia nel Verbano nel territorio di Laveno.

Il Boesio attraversa i comuni di Azzio, Brenta, Casalzuigno, Cittiglio, Cuveglio, Cuvio, Gemonio e Laveno Mombello ma, sono considerati far parte integrante della vallata anche i comuni di Brinzio (al confine tra Valcuvia e Valganna), Cassano Valcuvia, Castello Cabiaglio, Cocquio-Trevisago, Duno, Masciago Primo, Orino in Valcuvia e Rancio Valcuvia.

La valle, è racchiusa in una cerchia di alti colli e medio-basse montagne disposte da Est verso Ovest a Nord, nella catena del Monte Nudo ed ugualmente da Est verso Ovest a Sud, nella catena del Campo dei Fiori.

Ad Est è invece chiusa da alti colli che separano la Valcuvia dalla Valganna mentre a Nord-est, tra Rancio Valcuvia e Cassano Valcuvia è il Torrente Rancina a sottrarre acque piovane alla vallata, piegando verso Nord, dove si forma un nuovo bacino idrografico a sé stante, in cui lo stesso Rancina, nel territorio di Cassano Valcuvia confluisce nelle acque del fiume Margorabbia che, a sua volta sfocerà a Nord-est nel Verbano, non prima di esser confluito nel fiume Tresa, a poca distanza dal lago, al confine tra i comuni di Luino e di Germignaga.

I colli di spartiacque, che separano la Valcuvia dalla Valganna sono:

Il colle del Sass della Rossera, 448 mt a Nord-est, separa invece la Valcuvia dalla vallata del Rancina e Margorabbia.

UNO STRANO ED INSOLITO SPARTIACQUE

Non esistono monti o colli degni di nota, a separare drasticamente la Valcuvia dal bacino idrografico Rancina-Margorabbia a Nord.

Il confine idrografico è infatti assai labile, al punto che, al confine tra i comuni di Cuvio e di Cuveglio, il torrente Boesio viene interrato per un lungo tratto, per poi riemergere nei pressi dei laghetti del Lago d’oro, dove cambia direzione di scorrimento; non più scendendo verso Ovest ma, dopo aver assunto il toponimo di Rio Boesio, scendendo verso Nord-est, per poi confluire nel torrente Rancina, dopo aver attraversato Rancio Valcuvia.

Un confine molto labile, impercettibile, senza un vero e proprio spartiacque, con le acque piovane che, in caso di forti piogge ristagnano nei pressi dei laghetti, per poi scendere verso Est, oppure salire verso Nord-est, in base alla quantità di flusso d’acqua piovana.

LO SPARTIACQUE SETTENTRIONALE
Catena del Monte Nudo

Più netto e ben visibile, il confine di spartiacque del bacino idrografico a Nord.

Si parte ad Est con il Monte San Martino, 1.087 mt al confine tra Cuveglio-Cassano Valcuvia e Duno.
Proseguendo da Est verso Ovest si incontrano:

LO SPARTIACQUE MERIDIONALE
Catena del Campo dei Fiori

Più complesso invece lo spartiacque meridionale.

Partendo da Ovest presso il Verbano, tra Mombello-Sangiano-Cavarate e Gemonio i colli Monte Sangiano 532 mt e le cave di Sasso di Poiano 419 mt.

Bassi colli attorno ai 300/400 mt separano la Valcuvia dalla valle del Fiume Bardello di Besozzo e Cocquio Trevisago.
Chiudono poi la vallata i monti:

  • PràCamarée 774 mt in Cocquio Trevisago e Monte Morto 721 mt,
  • Punta di Orino 1.139 mt e qua inizia la catana del Campo dei Fiori che prosegue con:
    • Punta Merigetto 1.164 mt
    • Punta di Mezzo 1.226 mt
    • Punta Paradiso 1.127 mt
    • Sass Scurbatt
    • Passo Varro 760 mt
    • Monte Legnone 868 mt

A separare la Valcuvia dalla valle del fiume Olona sono i monti Punta Rossotti 1.021 mt in Induno Olona, Monte Vasera, confine Induno Olona-Brinzio, Monte Martica in Induno Olona con il Fortino Orientale del >Monte Martica a stabilire il confine tra la Valcuvia di Brinzio e la Valganna. Il confine Brinzio-Ganna ad Est, è caratterizzato da bassi colli piuttosto contigui.

BOSCHI E FUNGHI DELLA VALCUVIA

La Valcuvia è da tutti noti in Lombardia, per essere una vallata riccamente coperta da boschi a prevalenza di Castagno e Faggio.

Ha un clima caratterizzato dall’orizzonte montano o sub-montano prealpino, noto come “Mesoclima Insubrico” influenzato però anche dalla presenza dei laghi.

Lungo le coste del Verbano ed immediato entroterra, con caratteristiche termofile temperate, sui balconi collinari al riparo dalla catena montuosa del Monte Nudo a Nord. Qua prevalgono boschi misti di QuerciaCarpino con anche diversi Castagneti, alternati a boschi miti con Acero-Tiglio-Carpino nei canaloni ombrosi.

Sporadico ma comunque presente, ed in espansione grazie ai recenti Cambiamenti Climatici, sugli speroni rocciosi bel soleggiati, si può trovare anche l’Orniello.

Vicino ai corsi d’acqua prevalgono Ontano, Salice, Sambuco, Pioppo bianco, Nocciolo e Frassino.

Sui versanti Sud della catena del Monte Nudo prevale il Castagno fin verso i 900/1.100 mt, tra gli 800 e 1.000 mt il misto Castagno-Betulla-Faggio-Sorbo Montano e Sorbo degli Uccellatori, sopra i 1.000 mt prevale il Faggio con qualche conifera.

Sui versanti Nord della catena del Campo dei Fiori prevale il Faggio, qua e là con anche Conifere (Abete bianco in massima parte, sporadici Abete rosso-tasso ed altre conifere quali Pino Strobo), quest’ultime spesso frutto di rimboschimenti.

La Robinia-pseudoacacia risulta ben presente nella parte più bassa della valle, soprattutto in prossimità di strade e centri abitati, mentre nelle zone caratterizzate da abbandono di antichi pascoli, colonizzano Pioppo Tremulo, Brughiera (Brugo), Betulla, Ginepro e Ginestra.

In valle è possibile raccogliere funghi 7 giorni su 7 in un quantitativo massimo di 3 kg al giorno a persona.

→ Vedi regolamenti in: Raccolta funghi Lombardia– Regolamenti.

FUNGHI E CLIMA

Inutile dire che la produttività di funghi in zona, è ampiamente soggetta ai caprici climatici, ed alla presenza di eventuali malattie degli alberi.

Il clima tendenzialmente freddo-fresco-umido, con estati calde, favorisce buone piogge, soprattutto monti sopravvento rispetto agli umidi venti di Libeccio, Ostro e Scirocco.

L’arrivo però dei settentrionali venti favonici-secchi e temperati, provenienti dal vicno Canton Ticino (Sopraceneri), sfavorisce questa vallata che, risulterà turbata da forti venti secchi e tendenzialmente caldi con assenza di precipitazioni. Questa infausta condizione climatica è tipica dell’attuale Crisi Climatica.

La siccità dovuta al Riscaldamento Globale del Pianeta ha favorito le malattie degli Abeti. Molti dei quali sono stati necessariamente abbattuti, soprattutto alle falde del Campo dei Fiori, per far posto a piante autoctone più resistenti.

Anche la malattia del Castagno (provocata dal Cinipide galligeno del castagno, vedi voci → galle, cinipide, Dryocomus kuripilus Yatsumatsu ma anche Adricus quercuscalicis e Cynips quercusfolii), ha determinato una lunga assenza di funghi nei boschi di Castagno della zona. Per fortuna nel corso degli anni più recenti la malattia è regredita sufficientemente, quanto basta ad aver consentito ai locali Castagni di emettere nuovi polloni e quindi nuova vegetazione capace di sopportare e supportare simbiosi micorrizica con i funghi simbionti, funghi Porcini in testa.

Decisamente più produttivi i Faggi ma anche qua con alti e bassi dovuti alle infestazioni di insetti parassiti favoriti dai recenti Cambiamenti Climatici.

La Valcuvia rientra in parte nel territorio del Parco Regionale Campo dei Fiori.

Fa parte dei seguenti enti: Comunità Montana Valli del Verbano ex Comunità Montana della Valcuvia, ed in piccola parte di Unione dei Comuni del Medio Verbano e Comunità Montana del Piambello.

La Valcuvia è attraversata da decine di Sentieri ben tenuti, curati ed ottimamente segnalati.
Trovi le segnalazioni dei sentieri seguendo i link dei centri abitati che si trovano in valle.

VALCUVIA FUNGHI

Alcune immagini della Valcuvia in Provincia di Varese:

Valcuvia Funghi
Passo del Cuvignone, Valcuvia Foto: @ab_1980_ ↑
Valcuvia Funghi
Linea Cadorna a Cassano Valcuvia, Valcuvia Foto: @@manuela_pavan_ ↑
Valcuvia Funghi
Valcuvia e il Monte San Martino Foto: @squanty ↑

 

 

Related - Voci correlate

I commenti sono chiusi.