Funghi 2023 un anno di funghi

12 mesi di funghi Porcini e non solo, Funghi 2023

FUNGHI 2023
12 MESI DI FUNGHI PORCINI E NON SOLO

Funghi 2023 – Un anno di funghi

Tra cambiamenti climatici dagli effetti non ancora ben definiti, piogge che si sono fatte attendere più del dovuto o che, quando sono arrivate, lo hanno fatto con estrema enfasi e violenza, tanta da risultare localmente persino distruttiva, il 2023 si concluso con diversi tentativi da parte dei funghi di adattarsi al clima che cambia, all’inquinamento dovuto all’azione dell’uomo, ai disboscamenti sempre più massicci che, in molti casi, hanno sottratto interi habitat ai nostri amati funghi. Interi ecosistemi andati distrutti dal crescente bisogno di legname o di nuovi terreni da coltivare.

Per fortuna però, i funghi sanno essere assai più resilienti rispetto a noi umani. Sanno adattarsi alle situazioni più estreme, così come hanno sempre fatto.

I funghi sono i primi organismi viventi ad essere emersi dai grandi cataclismi delle ere geologiche, grazie ai quali i licheni prima poi le primordiali forme di vegetazione hanno potuto prendere vita, svilupparsi, progredire e diventare piante, alberi, boschi, foreste.

Se non ci fossero stati i funghi, probabilmente oggi non ci sarebbero i boschi, grazie ai quali noi umani possiamo respirare e vivere.

Noi di Funghimagazine, vogliamo rendere omaggio ai funghi 2023, con una carrellata di immagini suddivise per mesi dell’anno.
Un vero e proprio calendario delle immagini più belle di funghi, racchiuse in una inedita forma d’arte che è la nostra cifra stilistica.

Veri e propri quadri, vere e proprie nature morte realizzate con i funghi raccolti, oltre che con frutti e vegetali presenti in un determinato periodo, a sottolineare il progredire del tempo, mese per mese, andando incontro a periodi di maggiore floridità per i funghi e, sul finire dell’anno, a periodi con minori presenze fungine.

Le nostre composizioni / nature morte, sono dedicate a tutti gli amanti dei funghi, come forma d’arte, e non solo come oggetti di compulsivo desiderio, a tutti coloro che amano la natura in tutte le sue forme ed espressioni.

Di seguito alcune fotogallery dei funghi che abbiamo raccolto, mese per mese, durante il 2023.

UN ANNO DI FUNGHI 2023

GENNAIO, FEBBARIO E MARZO

Funghi 2023 Gennaio Febbraio e Marzo
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Gennaio Febbraio e Marzo

Il 2023 è iniziato con una spiccata e diffusa siccità, che ha interessato soprattutto le regioni settentrionali della nostra penisola.

Giornate insolitamente fredde, alternate a giornate decisamente e anomalmente calde ma sempre scarsamente foriere delle preziose piogge. A fine inverno il caldo precoce ha fatto sbocciare, in anticipo, le gemme di molte piante, inclusi i Frassini che, fioriti troppo presto, sono stati poi colpiti da gelate tardive che ne hanno fatto cadere tutti i fiori, senza riuscire a produrre i propri preziosi semi e quindi senza esser stati in grado di supportare le attese importanti nascite dei primi funghi di stagione: le Morchelle/Spugnole.

Sempre al Nord non è andata molto bene neppure la stagione dei funghi Prugnoli/San Giorgio, funghi che Sono risultati essere invece ben più presenti al Centro Italia, grazie a numerosi passaggi di correnti umide occidentali o sud-occidentali.

Disastrosa anche la stagione dei funghi Dormienti/Marzuoli che, a causa dell’assenza di neve o dello scioglimento troppo precoce della poca neve caduta durante l’inverno, in molti casi sono stati del tutto assenti. Pochi spot buoni in Toscana, poco presenti o del tutto assenti nel resto d’Italia.

FOTOGALLERY FUNGHI 2023 – GENNAIO, FEBBRAIO, MARZO

FUNGHI 2023 – APRILE

Il mese delle Spugnole/Morchelle e dei funghi Prgunoli.

Funghi 2023 Aprile
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Aprile

FOTOGALLERY FUNGHI 2023 – APRILE

FUNGHI 2023 – MAGGIO E GIUGNO

Funghi 2023 Maggio e Giugno
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Maggio e Giugno

L’arrivo della primavera non ha segnato un vero e proprio cambio di rotta climatico ma, per lo meno, al Nord si è avuta qualche pioggia in più rispetto ai mesi invernali. Disastroso l’alluvione che ha colpito duramente l’Emilia Romagna dove, nel giro di pochi giorni, tutta la pioggia che non è caduta durante l’intero inverno e inizio primavera, è caduta tutta insieme tra il 2 e il 3 maggio 2023.

Il mese di Maggio non è stato particolarmente prodigo di fungi Porcini, proprio per via di suoli spesso troppo poco umidi. L’arrivo di correnti fredde tardive, ha in alcuni casi fatto germinare, in maniera del tutto anomala, le spore di Porcini edulis, piuttosto che dei più comuni e attesi Porcini Rossi/Pinicola.

É andata leggermente meglio durante il mese di Giugno, quando qualche pioggia in più con i primi cenni di caldo estivo hanno fatto germinare le spore dei Porcini Estivi / Boletus reticulatus-aestivalis e dei primi Porcini Neri/Bronzini (Boletus aereus), come immortalato nelle immagini della fotogallery a seguire.

FOTOGALLERY MAGGIO E GIUGNO

FUNGHI 2023 – LUGLIO

Funghi 2023 Luglio
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Luglio

Il mese di Luglio ha visto l’arrivo dei primi invadenti ed odiosi Anticicloni Africani, responsabili di un repentino innalzamento delle temperature, su valori decisamente al di sopra della norma.

Vere e proprie ondate di caldo Sahariano, secco-torrido-opprimente-inconsueto si sono susseguite, alternate al Nord da brevi passaggi temporaleschi di intensità inaudita.

Dove si è avuta qualche buona precipitazione, qualche temporale che non è risultato essere distruttivo, con grandine grande quanto arance, si è avuta qualche discreta nascite di funghi Porcini per lo più di Porcini Neri/Aereus.

Assai scarse le nascite degli attesi primi Porcini edulis sulle Alpi dove, i passaggi temporaleschi si sono presentati con fredde grandinate precedute e seguite da importanti folate di vento e caldo estremo che sulle vette delle nostre montagne più elevate ha raggiunto gli inediti valori di +10°C con alcune giornate in cui su nessuno dei nostri monti la temperatura minima notturna è mai scesa al di sotto dello zero gradi centigradi.

Tempi duri per i funghi, in particolar modo per i Porcini, localmente più presenti tra Centro e Sud Italia dove c’è stato qualche sbuffo umido e meno rovente.

FOTOGALLERY LUGLIO

FUNGHI 2023 – AGOSTO

Funghi 2023 Agosto
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Agosto

Il mese di Agosto è proseguito sulla falsariga di quello di Luglio, caratterizzato costantemente da ingombranti Anticicloni Africani, alternati a brevissimi ma intensi passaggi temporaleschi con al seguito ancora ulteriori grandinate e persino vere e proprie trombe d’aria, al seguito di supercelle temporalesche di forza inaudita.

Per fortuna qua e là si è avuto anche qualche sporadico temporale non eccessivamente dannoso e qualche nascita di funghi più organizzata.

Sono arrivati i primi Porcini sui monti del Triveneto, buona protagonista anche la Liguria di levante insieme con l’alta Toscana che, fino a tutto l’inverno sono risultate costantemente interessate da continue intense correnti perturbate sud-occidentali, con forti mareggiate e temporali a ripetizione.

Sono quasi del tutto mancati i funghi Porcini sulle Alpi occidentali, tranne alcuni buoni spot in Valle d’Aosta, discreta la presenza porcina sui monti Lombardi e in alcune aree delle Alpi Marittime.

Il vento è stato la vera e propria impronta stilistica del secondo semestre del 2023.

Abbiamo raccontato l’andamento delle nascite di funghi durante il mese di Agosto in questi articoli:

FOTOGALLERY – AGOSTO

FUNGHI 2023 – SETTEMBRE

Funghi 2023 - Settembre
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Settembre

Anche il mese di Settembre è stato caratterizzato da caldo anomalo, alternato però a frequenti passaggi temporaleschi e forti folate di vento che hanno disturbato le nascite di funghi.

Là dove si sono avute buone precipitazioni non sono mancate massicce nascite di funghi, favorite proprio dal caldo-umido che, per alcuni giorni, prima del subentro del vento, ha innescato ottime nascite di varie specie, Porcini in primo luogo.

L’impronta stilistica del mese di Settembre, oltre al vento, è stata la comparsa nei boschi dei primi “assembramenti” di funghi Porcini, nati appressati, gli uni accanto agli altri o, al più molto ravvicinati tra loro, con inediti primi ritrovamenti di intere colonie di funghi Porcini, tutti molto ravvicinati tra loro.

Sotto alcune piante si sono contati dai 10 ai 20/30/40 e persino 50 esemplari di Porcini. Abbiamo anche dedicato un apposito articolo a questo fenomeno:

► Veri assembramenti di Porcini. Ecco dove la buttata è partita veramente. Aggiornamento funghi 13-09-2023

Altri articoli in cui abbiamo raccontato delle ottime nascite di funghi del periodo:

Gli assembramenti, in alcuni casi, si sono fatti ancor più significativi durante il mese di Ottobre.

FOTOGALLERY SETTEMBRE

 

FOTO FUNGHI 2023 – OTTOBRE

Funghi 2023 Ottobre
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Ottobre

Il mese di Ottobre non è stato complessivamente un mese pessimo per i funghi. Anzi, in alcune località se ne sono trovati “come se non ci fosse un domani”.

Assembramenti di Porcini sono continuati a caratterizzare alcuni boschi del Piemonte, quei pochi che hanno ricevuto piogge sufficienti. Ottimi spot locali in Valsesia, Biellese, Val d’Aosta, Alpi Marittime, Valtellina, Orobie, Sopraceneri e Sottoceneri-Varesotto-Canton Ticino, Liguria di Levante, Alta Toscana. A ondate di breve durata, buoni raccolti in alcune aree della Campania, del Lazio interno e nascite senza sosta in Calabria superiore. Temporaneamente buoni raccolti anche in Veneto e soprattutto Friuli Venezia Giulia.

Non sono poi mancati i vari “Poker di funghi Porcini“, tutte 4 le specie di fungo Porcino (Edulis, Pinicola, Estatino e Nero/Aereus), raccolti contemporaneamente in alcune zone fungine assai fortunate. Qua e là discreti raccolti nel resto del Nord e Centro. A secco la Sardegna. Altalenante l’Emilia Romagna, con temporanei buoni raccolti in Emilia, quasi sempre sottotono la Romagna. A inizio mese c’è anche stata una importante buttata di Porcini, ecco dove:

► Nuova grande buttata di funghi Porcini. Ecco dove. Aggiornamento Porcini 04-10-2023

FOTOGALLERY OTTOBRE

FUNGHI 2023 – NOVEMBRE

Funghi 2023 Novembre
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Novembre

Il mese di Novembre è risultato essere decisamente più caldo del normale con ancora Anticicloni Africani, alternati ai primi sbuffi freddi nord-atlantici.

Anche durante il mese di Novembre l’impronta stilistica più evidente è stato il vento con fortissime mareggiate che hanno interessato a più riprese la Sardegna e l’intero Tirreno con zone annesse.

Alternanze di piogge-vento-caldo-freddo-vento-piogge hanno imperversato soprattutto sul centro e sud Italia con alcuni passaggi perturbati anche al Nord dove però la neve ha tardato ad arrivare sui monti, consentendo alle piante di perdere le foglie molto più tardi del solito e quindi a tardive nascite di funghi Porcini anche in montagna.

La prima parte del mese è stata caratterizzata da ancora incredibili ritrovamenti di funghi Porcini, soprattutto sui colli e bassi monti del Nord, così come riportato, per esempio nel nostro articolo:

Funghi Porcini? Ce n’è ancora a volontà. Ecco dove. Aggiornamento Porcini 09-11-2023

Localmente ancora ottime nascite in Toscana, Liguria, Lazio, Campania e Calabria.

FOTOGALLERY NOVEMBRE

FUNGHI 2023 – DICEMBRE

Funghi 2023 Dicembre
Funghi 2023 – Riepilogo dei funghi di Dicembre

I Funghi che non ti aspetti sono sempre i più graditi e apprezzati e, nel corso del 2023 di nascite inattese, soprattutto di funghi Porcini ce ne sono state, e non poche.

Dicembre 2023 è stato caratterizzato ancora dal vento, ora forte e teso da Ovest o Sudovest, più raramente da Est o da Nord, ancor meno da Sud, ad ogni modo, da qualunque dove provenisse, sempre forte e teso, ora accompagnato da folate di freddo, ora da caldo favonico o anticiclonico africano.

Piogge a macchia di leoparto, qua sì e là no ma a volte anche sotto forma di neve al Nord, persino fin sulle alte pianure a inizio mese ma, si è trattato di neve effimera, neve che già un’ora dopo la fine della precipitazione, era già completamente fusa per repentino innalzamento delle temperature.

Tra piogge, freddo e caldo, non sono mancate le ultime sorprese fungine e porcine con qualche inedita nascite nei parchi e giardini del Nord Italia, alcune anche in bassa collina fino alla festa dell’Immacolata, Porcini tardivi anche al Centro Italia e sulla solita Sila che quest’anno ha sfornato funghi Porcini senza sosta dal mese di Maggio a fine anno.

Sono per lo più mancati i funghi Chiodini, spesso a causa del forte vento che ha disidratato troppo velocemente gli alberi morti, le ceppaie, i residui legnosi o le radici superficiali.

Scarsi anche altri funghi tipici del periodo quali gli Ordinali/Cimballi, localmente più ben presenti in Toscana i Lardaioli. Anche durante il mese di Dicembre, così come a Novembre, non sono mancate ottime raccolte di funghi Galletti/Finferli autunnali, scarsi invece i funghi tipici delle Conifere, le Finferle/Lutescens.

Impronta stilistica del mese di Dicembre, la scarsità di neve sulle Alpi e la quasi assenza sull’Appennino, insieme ancora con il vento.

Abbiamo riepilogato le nascite di funghi di Dicembre in questi due articoli:

FOTOGALLERY DICEMBRE

Concludendo questa carrellata di notizie e foto di Funghi 2023, un caloroso augurio a tutti i nostri lettori di un 2024 all’insegna di più normalità climatica, di piogge più eque e normali, di meno vento, di meno disastri ambientali e climatici, di non dover più vedere alluvioni, trombe d’aria, Tornadoes e violente grandinate abbattersi sulle nostre case.

Augurare il meglio non costa nulla ma, senza la nostra presa di coscienza che, inquinare meno e ridurre le emissioni di Anidride Carbonica non è più procrastinabile, non è più rimandabile, i nostri auguri saranno parole buttate al vento.

Vento che proprio a causa dell’eccesso di Anidride Carbonica, insieme con un eccesso di Vapore Acqueo concentrato in zone circoscritte, insieme con gli eccessi di calore, determinano tutti quei disastri di cui ho appena parlato e che potrebbero determinare una progressiva scomparsa delle nascite dei nostri amanti funghi Porcini, non solo durante il 2024 ma anche e soprattutto durante gli anni a venire.

Quando andremo a votare ricordiamoci dei politici che hanno a cuore il rispetto della natura, del clima e del nostro quieto vivere e, nel caso in cui i fenomeni atmosferici dovessero divenire ancor più estremi e distruttivi, ricordiamo chi dobbiamo ringraziare: quei politici che non hanno voluto fare nulla per la nostra amata natura ed il nostro strampalato clima.

Qualunque sia l’orgine della crisi climatica e del riscaldamento globale del pineta, ricordiamoci che, i pericoli, le difficoltà e le distruzioni, quando possibile, è sempre bene prevenirle, piuttosto che curarle dopo la conta dei morti.

Buon 2024 di tanti funghi a tutti voi!

► Non perderti l’articolo di Aggiornamento nascite funghi di metà Gennaio 2024:
Finferli, Finferle e molti altri funghi. Aggiornamento funghi 12-01-2024

Angelo Giovinazzo

Divulgatore scientifico, studioso di Scienze Naturali, Micologia, Geografia, Geologia. Tecnico di accoglienza turistica, ex redattore di articoli Meteo. Dal 2018 fondatore/proprietario e amministratore di funghimagazine.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.