funghimagazine.it
Funghi Magazine - Il magazine on-line sui funghi d'Italia. Aggiornamenti funghi, articoli e notizie sui funghi, segnalazioni in tempo reale. dove nascono i funghi e la tabella sulle nascite e crescite dei funghi con il Semaforo dei Funghi

Leccinum scabrum, il Porcinello Grigio

Il Porcinello Grigio (Leccinum scabrum) è uno dei funghi, simili al Porcino, più comuni tra le fresche radure in cui sono presenti le Betulle. Ama i luoghi aperti e ben soleggiati, molto noto e apprezzato al Nord, spesso sconosciuto tra centro e sud Italia. Scopriamolo in questo articolo

LECCINUM SCABRUM (Bull.) Gray (1821)

Porcinello grigio di Betulla / Leccino

Sinonimi obsoleti:

  • Boletus albus Gillet, Revue mycol., Toulouse 3(no. 11): 5 (1881)
    Boletus avellaneusJ. Blum, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr.85(4): 560 (1970) [1969]
    Boletus gilletiiSacc. & Cub., in Saccardo, Syll. fung. (Abellini) 6: 46 (1888)
    Boletus niveusFr., Observ. mycol. (Havniae) 1: 111 (1815)
    Boletus oxydabilis (Singer) J. Blum, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr. 85(4): 560 (1970) [1969]
    Boletus roseofractus(Watling) Hlaváček, Mykologický Sborník65(3): 83 (1988)
    Boletus rotundifoliae(Singer) S. Lundell, Fungi Exsiccati Suecici53-54: no. 2615 (1959)
    Boletus rufescens var. flavescens(Quél.) J. Blum, Bull. trimest. Soc. mycol. Fr.85(4): 562 (1970) [1969]
    Boletus scaber Bull., Herb. Fr. (Paris) 3: tab. 132 (1783) [1782-83]
    Boletus viscidus var. scaber(Bull.) Duby, Bot. Gall., Edn 2 (Paris) 2: 784 (1830)
    Ceriomyces scaber(Bull.) Murrill, Mycologia1(4): 146 (1909)
    Gyroporus scaber(Bull.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 162 (1886)
    Gyroporus scaber var. flavescensQuél., C. r. Assoc. Franç. Avancem. Sci.18(2): 512 (1890) [1889]
    Gyroporus scaber var. niveus(Opat.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 162 (1886)
    Krombholzia nivea(Opat.) E.-J. Gilbert, Les Livres du Mycologue Tome I-IV, Tom. III: Les Bolets: 118 (1931)
    Krombholzia oxydabilisSinger, Revue Mycol., Paris 3(4-5): 189 (1938)
    Krombholzia rotundifoliae Singer, Revue Mycol., Paris 3(4-5): 190 (1938)
    Krombholzia rufa(Pers.) E.-J. Gilbert, Les Livres du Mycologue Tome I-IV, Tom. III: Les Bolets: 183 (1931)
    Krombholzia scabra (Bull.) P. Karst., Revue mycol., Toulouse 3(no. 9): 17 (1881)
    Krombholziella avellanea(J. Blum) Bon, Docums Mycol.16(no. 62): 66 (1986)
    Krombholziella avellanea(J. Blum) Courtec., Clé de determination macroscopique des champignons superieurs des regions du Nord de la France (Roubaix): 119 (1986)
    Krombholziella avellanea(J. Blum) Alessio, Boletus Dill. ex L. (Saronno): 458 (1985)
    Krombholziella nivea(Opat.) Alessio, Boletus Dill. ex L. (Saronno): 452 (1985)
    Krombholziella oxydabilis(Singer) Šutara, Česká Mykol.36(2): 82 (1982)
    Krombholziella roseofracta(Watling) Šutara, Česká Mykol.36(2): 82 (1982)
    Krombholziella rotundifoliae(Singer) Šutara, Česká Mykol.36(2): 82 (1982)
    Krombholziella scabra(Bull.) Maire, Fungi Cat., Series Altera 1937 3(4): 46 (1937)
    Krombholziella subcinnamomea(Pilát & Dermek) Alessio, Boletus Dill. ex L. (Saronno): 458 (1985)
    Leccinum avellaneum(J. Blum) Bon, Docums Mycol.9(no. 35): 41 (1979)
    Leccinum niveum(Opat.) Rauschert, Nova Hedwigia45(3-4): 503 (1987)
    Leccinum oxydabile(Singer) Singer, Am. Midl. Nat.37: 123 (1947)
    Leccinum rigidipes P.D. Orton, Trans. Br. mycol. Soc. 91(4): 560 (1988)
    Leccinum roseofractumWatling, Notes R. bot. Gdn Edinb.28(3): 313 (1968)
    Leccinum rotundifoliae (Singer) A.H. Sm., Thiers & Watling, Michigan Bot. 6: 128 (1967)
    Leccinum scabrum var. avellaneum(J. Blum) J.A. Muñoz, Fungi europ. (Alassio) 2: 485 (2005)
    Leccinum scabrum var. coloratipes(Singer) Singer, Pilze Mitteleuropas (Stuttgart) 6: 95 (1966)
    Leccinum scabrum var. niveum(Fr.) E. Gerhardt, in Gerhardt, Der Grosse BLV Pilzführer für Unterwegs (München): 1-718 (2001)
    Leccinum scabrum var. pinguipedumPilát, Erica, Plzeň3: 13 (1994)
    Leccinum scabrum var. roseofractum(Watling) Šutara, in Šutara, Mišík & Janda, Hřibovité Houby, Čeled’ Boletaceae a Rody Gyrodon, Gyroporus, Boletinus a Suillus (Prague): 38 (2009)
    Leccinum subcinnamomeumPilát & Dermek, Hribovité Huby [Boletaceous Fungi]: 144 (1974)

Leccinum scabrum (Bull.) Gray
Il Porcinello Grigio di Betulla / Leccino

Divisione:Basidiomycota
Classe:Basidiomycetes
Ordine:Boletales
Famiglia:Boletaceae
Genere:Leccinum
Specie:Leccinum scabrum
Nome italiano:Porcinello (Porcinello grigio), Leccino
Tipo nutrimento:Micorrizico
Periodo vegetativo:Dall’estate a fine autunno
Commestibilità o Tossicità:Ottimo commestibile  Gambo coriaceo da scartare/da non consumare crudo

Scheda illustrativa:

Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio, scheda illustrativa

NOMI INTERNAZIONALI


Nomi comuni italiani

LECCINUM SCABRUM o Porcinello Grigio (Leccino) è un fungo a larga diffusione nelle regioni del Nord ma, via-via meno diffuso scendendo verso Sud, con discreta presenza solamente sulla Sila e sull’Etna, pertanto i nomi locali/dialettali risentono proprio della sua presenza o meno in determinate zone, con nomi vernacolari ben presenti al Nord, in Toscana e in una ristretta area della Calabria e Sicilia.

I nomi vernacolari più diffusi a livello nazionale sono: Porcinello, Boleto scabro, Porcinello grigio, Leccino/Betullino.

Nomi vernacolari/locali/dialettali: Albarei nigher, Albarèla, Albarel, Albarelo, Albarello, Ampolín, Arbarín, Arbarín negar, Bedolín, Bédolit, Beola, Betullino, Biolette, Boleo albarelo, Brédol, Brisa, Brisa de caora, Brisa d’alborela, Brisot, Brugarol nighèr, Bruareul, Brugaroel, Caponero, Caprino, Cerrino, Corédo, Crava, Crava nera, Crave, Cravetta, Cravetta grisa, Cravette, Cravitte grise, Donna, Donne grigie o Donne nere, Fàlchero, Falchetto, Funge ‘raspignoús, Funci di viddudda, Funciu di vitudda, Func’i vitudda, Gambarello, Gambarella, Gambagrisa, Gambe grise, Gambe silvin’e, Gambeta, Gambetta, Gambetto, Gambette grise, Gambilotto, Gamberotto, Gambotte, Gamgaltieri, Gattarello, Gattero, Ginestrino, Leccino, Legoratt, Leguratt, Levrin, Nisciulin, Pecorino, Porcinèlo, Porcinello di Ginestra, Porsinella, Puti, Pütí, Serulin, Scrulin, Scopatolo, Sörla, Sörlo, Spinarolo, Sürla, Sürlèc, Surlo, Sürlo negher, Taverné, Termulin’e, Vachêta grisa.

Interessante l’associazione che in Piemonte si fa tra questo fungo e la capra con: Crava, Cravetta, Caprino e simili o con la pecora in altre regioni: Pecorino. Nel Nord Piemonte i Leccini di qualsiasi tipo sono detti Donna/Donne. Molti nomi dialettali fanno riferimento al gambo o al cappello scuro (solitamente grigio), (Gambe, Gambette e simili), Caponero. Comune anche l’abitudine di associare il nome dialettale all’habitat di crescita, quindi: Betullino, Cerrino, Ginestrino, Leccino, nonché fungo di Brughiera: Brugarol, Bruarel ecc e Spinarolo.

Traduzioni in italiano dei nomi internazionali

Leccinum scabrum è quasi ovunque noto come Porcino di Betulla o come Porcino ruvido/Porcino a gambo ruvido.

Il suo epiteto latino deriva dal termine ‘scăbĕr‘ (aggettivo di I classe neutro, singolare, accusativo) → scăbĕr [scaber], scabră, scabrum. ‘Scabrum‘ significa → scabro, ruvido;  riferito ad animali: scabbioso, rognoso; a persone: sporco, sudicio, trasandato, rozzo.

Nel caso del Leccinum scabrum, l’epiteto fa riferimento al suo gambo, non liscio ma ruvido, caratteristicamente ricoperto da scagliette-scaglie, frequentemente di colore scuro.

Noto in Italia come Porcinello, all’estero non esiste un simile vezzeggiativo, pertanto viene comunemente detto ‘Porcino’.

  • In Germania è detto Birkenpilz, ovvero Fungo/Porcino di Betulla ma anche Cappuccino o Fungo di Capra.
  • Porcino ruvido in Francia;
  • Gamba di vacca in Islanda;
  • Latte di mucca, Fungo della mucca, Fungo di Betulla, Sciocco o Primula, in Finlandese;
  • Macchia marrone/Macchia bruna/Crosta bruna in Norvegia;
  • Boleto di Betulla nei Paesi Bassi;
  • Sardina bruna o Violino marrone/Tenore bruno in Ungheria;
  • Porcino scabro, Porcino del Monaco, Porcino grasso o Porcino ruvido in Romania;
  • Capra, Nonna, Nonna Capra/Porcino della Capra, Fungo a stelo ruvido, Fungo ruvido, Vero Cosacco, Cosacco, Fungo Porcino ruvido, Fungo a gambo ruvido, in Polonia;
  • Obabok, Porcino comune, Porcino nero, Porcino grigio, Betullino, Porcini di Betulla, Alberi di Betulla, Funghi neri in Russia;
  • Fungo di Betulla/Radice di Betulla in Georgiano;
  • Yamaguchi in Giappone;
  • Fungo di Betulla/Fungo della Betulla in Spagna;
  • Björksopp, ovvero Zuppa/Fungo di Betulla in Svezia;
  • curioso il nome tartaro che corrisponde a: Ne vale la pena, oppure a Festa della Signora.
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio in habitat di Betulle e Ginestre

DISTRIBUZIONE



Leccinum scabrum o Porcinello grigio/Leccino è un fungo simbionte/micorrizico che si lega quasi esclusivamente alla Betulla, in particolar modo alla Betulla europea/Betulla bianca (Betula pendula), pertanto la sua distribuzione è strettamente legata alla presenza o meno di queste piante.

Assai comune in Europa, manca negli ambienti mediterranei e comunque nei luoghi più caldi/asciutti in cui le Betulle stentano a vegetare.

Dalle Alpi italiane a quelle Scandinave, il Porcinello scabrum si associa quasi esclusivamente alle Betulle di varie specie, con predilezione per le radure erbose, ben arieggiate/soleggiate, meglio se a margine di boschetti di sole Betulle, con ricca presenza anche nelle Tundre e, nella Taiga priva di stagni e di conifere ma caratterizzata da ricca presenza di Betulle.

In questi ambienti noridici il Leccinum scabrum vegeta anche a stretto contatto con la Betulla nana (Betula nana) tant’è che, scherzosamente nei paesi russofoni questi funghi sono detti ‘Alberi di Betulla‘, a sottolineare il fatto che, talvolta i carpofori del Leccinum sono più alti delle Betulle nane stesse.

Nei paesi alpini questo fungo si può associare sporadicamente anche a radi esemplari di Faggi e Noccioli ma, l’associazione micorrizica prevede sempre la presenza di alcune Betulle nel circondario.

Al di fuori dell’Europa ed ex Unione Sovietica, questo fungo è presente anche in Asia nell’Himalaya, in Mongolia, Tibet e Giappone.

Conosciuto anche nelle foreste di Betulla del Nord America, oggi grazie alla globalizzazione ed all’uso consolidato di piantare piante esotiche lungo viali, parchi e giardini, con l’introduzione della Betulla europea (Betula pendula) e della Betulla pelosa (Betula pubescens) anche in Australia e Nuova Zelanda, il Porcinello Scabro (Leccinum scabrum) sta diventando un fungo a larga diffusione/distribuzione anche in Oceania.

HABITAT / ECOLOGIA

🌲🌿🍂🍁L’HABITAT del Porcinello grigio

L’habitat ideale per il Leccinum scabrum è la radura di Betulle

Questo fungo non ama l’ombra, perciò può esser definito una specie eliofila (contrapposto a sciafila).

D’altra parte anche la Betulla, suo simbionte prediletto, non ama l’ombra ma preferisce i luoghi aperti, ariosi e ben soleggiati.

Le radure erbose in cui sono presenti erebe coriacee, Brughi, Ginestre, cespugli-arbusti e piante rade sono i luoghi ideali per la vegetazione e fruttificazione di questo fungo che, all’indomani di ottime piogge, con temperature miti e mai torride-roventi, può fruttificare sia in forma solitaria che di vere e proprie colonie, talvolta persino con gambi concresciuti, ovvero uniti tra di loro alla base.

Le alte pianure dell’area padana sono i luoghi ideali per la vegetazione delle Betulle. Qua molto spesso si formano vere e proprie steppe-savane erbose in cui vegeta la Betulla, in buona compagnia con rari esemplari di Pioppo tremulo, Pioppo bianco, Noccioli e sporadiche Querce farnia. Stiamo parlando di Brughiere che in Piemonte sono dette Vaure oppure Baragge; particolari ecosistemi oggi per lo più protetti dopo che, nel corso degli ultimi decenni dello scorso secolo, sono stati diffusamente sottratti per l’espansione dell’agricoltura, in particolar modo per la coltivazione del riso di Baraggia, frumento e cereali.

Piccoli relitti di queste Brughiere sono oggi presenti anche nelle alte pianure della Lombardia ma qua, gli ecosistemi locali sono sempre più striminziti e relegati a piccoli appezzamenti marginali tra ler zone agricole e quelle urbane.

I boschetti o boschi di Betulla non sono oggi molto comuni in forma pura sulle Alpi ed Appennino Settentrionale. I loro habitat naturali sono stati per lo più sottratti dall’urbanizzazione montana, che si è concentrata soprattutto nei fondovalle fluviali dove, le specie colonizzatrici quali Betulle, Ginestre e Brughi sono stati eradicati anche per far posto a prati e pascoli.

Betulleti rimangono per lo più relegati alle poche aree montane non scoscese, in cui è presente anche il rodoro-vaccinieto (un particolare ecosistema caratterizzato dalla presenza contemporanea del rododendro selvatico/Rhododendron ferrugineum e del mirtillo selvatico/Vaccinium myrtillus/Vaccinium angustifolium) ma qua, molto spesso la vegetazione del Leccinum scabrum è resa assai difficoltosa dalla sovrabbondanza di Felci (Felce aquilina/Pteridium aquilinum) e di Ginestre (Ginestra dei Carbonai/Cytisus scoparius).

💥🔥 Una piccola curiosità

Leccinum scabrum e Boletus edulis assai frequentemente si contendono la micorrizazione degli stessi alberi di Betulla. Accade soprattutto in montagna, a margine di pascoli dove il bosco è protetto da fili elettrificati, in cui le mucche o ovini vari non possono entrare a pascolare, distruggendo col proprio pesante calpestìo i miceli che si avvantaggiano dell’assenza di coperture fogliari troppo fitte, quindi della preziosa rugiada che, durante le ore notturne si deposita tra i fili d’erba, raggiungendo il terreno e dissetando i miceli.

La presenza contemporane di Porcinelli grigi e di Porcini edulis è spesso assicurata a fine estate, quando l’aria si fa più frizzantina e progressivamente più umida. La presenza di una specie non esclude tuttavia la presenza contemporanea anche del diretto competitore. Naturalmente però, una ricchissima fruttificazione di Leccinum scabrum, lascia intendere che gli alberi del circondario sono stati meglio e più pesantemente micorrizati da questa specie, a discapito del concorrente.

⛔🖐️ I funghi detti Leccini/Porcinelli sono tutti commestibili, tuttavia la possibilità di confonderli con altri funghi con la spugna, tossici, è sempre molto elevata. Si raccomanda perciò di raccogliere sempre soltanto funghi noti e facilmente riconoscibili.

⛔🖐️ Quasi quotidianamente, al nostro indirizzo email, nei nostri canali Social o presso le nostre chat Telegram (pubbliche o private) riceviamo fotografie di funghi (spesso assai poco chiare, con colori fasulli o mosse, a riprova dell’ulteriore superficialità con cui molti cercatori affrontano la ricerca dei funghi), da parte di inesperti cercatori che ci chiedono se i funghi raccolti sono commestibili e, solo in pochi ci chiedono esclisivamente il nome del fungo fotografato per pura conoscenza.

In tutti i casi, funghimagazine o chi per esso attraverso i Social, non può e non deve dare opinioni di commestibilità, neppure un micologo professionista può farlo, limitandosi a guardare delle fotografie.

Funghimagazine NON darà mai opinioni di commestibilità e, gli utenti che attraverso le nostre chat o canali Social (Facebook, Instagram o altri) si prendono o prenderanno la libertà di farlo, saranno immediatamente bannati-cancellati-esclusi.

SEGNI DISTINTIVI / CARATTERISTICHE

COME RICONOSCERE IL PORCINELLO GRIGIO/ LECCINUM SCABRUM

Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio

Benché i nomi comuni di ci suggeriscono che abbiamo di fronte un fungo dall’aspetto di un simil-Porcino dal cappello grigiastro, le possibilità di confondere questo fungo con altre specie simili è molto, molto elevata.

In particolar modo sono 3 i Leccini che presentano forme e colori molto simili, perciò facilmente confondibili: Leccinum duriusculum, Leccinum pseudoscabrum e Leccinum variicolor, tutti più o meno grigiastri.

Per fortuna, a metterci sulla buona strada per il corretto riconoscimento è il già descritto habitat di crescita, che prevede sempre la presenza della Betulla, non del Pioppo o Pioppo tremulo o di altre latifoglie, e la contemporanea presenza anche di Brughi/Eriche o Ginestre.

Corpo fruttifero

Il corpo fruttifero ha l’aspetto generale di un Porcino dal gambo smilzo ricoperto da scagliette scure.

Il cappello ha la forma di un fungo Porcino, il cui diametro medio è di 5-15 cm, ma talvolta anche fino a 20 cm. É dapprima globoso, poi convesso e allargato, raramente appianato, con spugna molto espansa-spugnosa.

La superficie del cappello va dal colore grigiastro al brunastro-ocraceo, bruno-fulvo, marezzato di rossiccio o di grigio-nerastro-giallognolo perciò di colore assai variabile.

É liscia-vellutata, spesso screpolata, soprattutto in età avanzata ed in presenza di aria molto secca-calda, con tendenza all’untuoso con tempo umido; tende a strabordare leggermente dal cappello (solo leggermente eccedente), regolare.

La carne è bianca ma grigio-biancastra in età avanzata. Sotto la cuticola e sul gambo tende leggermente al giallognolo; compatta e soda da giovane, diviene presto molle col passare dei giorni, non ha alcun viraggio al blu-verde-azzurro ma, semmai potrebbe arrossare leggermente lasciandola a lungo a contatto con l’aria.

Il sapore è delicato, di fungo Porcino. Odore lieve e gradevole, anch’esso di fungo Porcino, sebbene meno invadente del più blasonato concorrente.

L’imenoforo è una ‘spugna’ composta da tubuli da liberi al gambo ad arrotondati-depressi con pori piccoli e rotondi, di colore inizialmente crema chiaro, poi beige-ocraceo ed infine bruno-grigiastro.

L’impronta sporale è grigia con sfumature bruno-olivacee; le spore misurano 15-19 x 4,5-6 micron, fusiformi, liscie.

Il gambo misura 8–20 cm di lunghezza per 1,5–3 cm di diametro. Solitamente ben slanciato-cilindrico, tendenzialmente fine ma, in alcuni esemplari può risultare dall’aspetto più ‘porcino’ quindi più tozzo con base leggermente bulbosa, clavato. Diventa fibroso-coriaceo a maturità, tant’è che si sconsiglia vivamente di consumarlo perché risulterebbe anche indigesto.

Ha un colore di fondo chiaro, biancastro-grigiastro, ricoperto però da fitte squame ruvide che inizialmente sono fini, poi più grossolane, dense, da brunicce a bruno-scuro, infine persino nerastre. Il gambo non ha macchie verdi o blu alla base.

Una caratteristica tipica di questo fungo è di non esser facilmente attaccabile dalle larve. Molto spesso quando i Porcini sono infestati da vermetti, il Porcinello grigio, viceversa ne risulta del tutto immune. Vedi → Funghi con le larve, quali pericoli per la salute?

COMMESTIBILITA’

TRATTASI DI OTTIMO FUNGO COMMESTIBILE, CHE PERO’ NON PUO’ ESSER CONSUMATO CRUDO

La carne del Leccinum scabrum ha un’ottima consistenza da giovane, diventa più molliccia negli esemplari adulti. Morbida ma molto fibrosa nel gambo, che va gettato perché coriaceo-indigesto, ricco di fibra-cellulosa non digeribile dallo stomaco umano.

In realtà un terzo o anche due terzi del gambo di esemplari giovanissimi si possono tranquillamente consumare, per quanto riguarda invece gli esemplari adulti, molto meglio gettar via l’intero gambo.

Lievemente profumato, con ottimo sapore di fungo Porcino, molto meno invadente.

Questo fungo è assai apprezzato in tutte le regioni del Nord Italia dove, in molti casi viene preferito al più blasonato Porcino, per via della sua consistenza più carnosa e della minore tendenza a diventare molliccia-limacciosa in cottura. Ideale come contorno per polente, spezzatini ed arrosti.

Tende ad annerire durante la cottura, perciò in alcune culture è stato a lungo considerato un fungo da evitare, sospetto.

Nei paesi dell’Est il Leccinum scabrum è ingrediente essenziale del ‘ciulama‘ un piatto d’origine turca, tipico della cucina rumena e moldava, che si prepara con carne (solitamente pollame) e/o funghi Leccini o Porcini, in salsa bianca (una sorta di besciamella fatta di farina con panna), con cipolla, prezzemolo e carote.

Adatto per esser consumato sia da fresco che congelato o essiccato. In Russia lo si conserva anche in salamoia, oppure salato, marinato o sott’aceto.

Grazie alla buona consistenza degli esemplari giovani, questo fungo è adatto alla preparazione di cibi cotti al vapore, insieme con le verdure.

É stato constatato che il consumo da crudo di questo fungo può causare incompatibilità, in particolar modo, alcuni studi effettuati nel 2009 negli Stati Uniti d’America, suggeriscono di prestare particolare attenzione al consumo da crudo, soprattutto nei bambini, così come in persone dall’apparato digerente sensibile, a causa dell’insorgenza di lievi disturbi gastrointestinali.

Questo fungo è considerato Specie Protetta in Germania perciò la sua raccolta può avvenire solo in modiche quantità personali.

In Polonia e Repubbliche Baltiche viceversa, viene raccolto in grandi quantità.


⚠️⛔🖐️ ATTENZIONE ⚠️

ANCHE SE POTRA’ CAPITARTI DI TROVARE, LOCALIZZATE MA VASTE COLONIE DI QUESTO FUNGO, CIO’ NON SIGNIFICA CHE LA SPECIE SIA FLORIDA ED IN OTTIMA SALUTE. Frequentemente una massiccia ‘bollata / buttata‘ non è sinonimo di floridità ma, un semplice tentativo da parte della colonia fungina di riprodursi il più massicciamente possibile al fine di garantire la sopravvivenza della specie.

La raccolta di questo fungo in Italia, è equiparata a quella dei funghi Porcini pertanto, se il regolamento regionale di riferimento indica che si possono raccogliere al massimo 2 kg di funghi, la raccolta di Porcinelli/Leccini, concorre al raggiungimento dei 2 kg stessi.


⚠️⛔🖐️ ATTENZIONE ⚠️

Eventuali informazioni mediche contenute in queste schede sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente.

Le immagini e le informazioni riportate su funghimagazine.it sono puramente indicative e non possono sostituire l’accertamento effettuato da un professionista.

⚠️ NON AFFIDARTI MAI completamente ad una guida on-line o a libri di testo per il riconoscimento di una nuova specie fungina mai raccolta prima, a meno che tu non abbia competenze tecniche micologiche.

Guide, manuali ed articoli descrittivi hanno solo e soltanto scopo didattico. Esistono centri specializzati presso le ASL (Ispettorati Micologici) o presso le Associazioni Micologiche che sono preposti per il riconoscimento e l’accertamento della commestibilità dei funghi. ISPETTORATI MICOLOGICI IN ITALIA.

Tutte le schede sui funghi presenti su funghimagazine.it sono il frutto di attento studio, osservazioni, raccolta e fotografia degli stessi, fatta direttamente sul campo e poi integrata con lunghe ore di studio. Non sono mai il classico copia-incolla da testi o altre recensioni trovate sul web.

Man mano che nuovi funghi vengono studiati, seguono le pubblicazioni di nuove schede che potrai trovare nell’ATLANTE DEI FUNGHI di funghimagazine.

Puoi trovare molte altre foto sul nostro profilo INSTAGRAM. Non dimenticare di taggare le tue foto con l’hastag #funghimagazine o di taggarci tramite @funghimagazine.

SPECIE SIMILI

Il Porcinello grigio / Leccino / Leccinum scabrum ha, come già accennato, 3 principali sosia che sono: Leccinum duriusculum, Leccinellum pseudoscabrum e Leccinum variicolor.

Naturalmente il cercatore di funghi più superficiale-distratto potrà confondere questo fungo con tutti i vari Leccini o Boleti (funghi con la spugna di forma vagamente porcina).

Leccinum duriusculum, è il sosia perfetto. Molto simile, quasi identico per forma e colori, si distingue per il suo habitat di crescita che prevede la micorrizazione dei Pioppi, ed in particolar modo del Pioppo tremulo, in un habitat tendenzialmente pantanoso, umido, torboso.

Ha carne che vira al taglio diventando dapprima rosa poi rossastro-violacea ed alla fine color ardesia. Il gambo è macchiato di verde-blu alla base. Ugualmente commestibile.

Leccinellum pseudoscabrum (ex Leccinum carpinii), è un buon sosia del Leccinum scabrum.

Ugualmente simile per forma e colori, lo pseudoscabrum ha il cappello sempre caratterizzato da specifiche ‘ammaccature‘ simili a micoscopici ‘martellamenti‘, colori tendenzialmente più chiari, meno grigi ma più giallognoli-marroncini, tendenti al bruno in età avanzata, con carne virante al rosa-violaceo nell’immediato, poi rapidamente annerente.

Il leccino pseudoscabrum ex L. carpinii, come lascia intendere il suo precedente epiteto, è simbionte privilegiato dei Carpini e Noccioli, non ama il sole diretto e la troppa luce ma pretende l’ombra. Meglio se il bosco è molto umido ed assai scuro.

Leccinum variicolor è altro sosia dal cappello grigio-bruno-nerastro.

Ha gambo ricoperto da scaglie concolori col cappello, perciò tendenzialmente grigiastro, macchiato di verde-blu alla base.

La carne bianca vira al rosa pallido al taglio, verde-blu alla base del gambo. Il suo habitat ideale è la torbiera molto umida-paludosa-acquitrinosa con frequenti ristagni d’acqua piovana in contesto caratterizzato dalla presenza di Betulle e vari tipi di Pioppi.

Ugualmente simili per la forma ma, completamente diversi per i colori sono:

  • Leccinum aurantiacum, dal caratteristico cappello color rosso-aranciato, prevalentemente associato a Betulle e Pioppo Tremulo;
  • Leccinum quercinum, anch’esso dal cappello color rosso-mattone, spesso associato alle Querce o in alternativa a Faggi e Castagni;
  • Leccinum holopus, raro, cresce in luoghi umidi-acquitrinosi-torbiere, spesso associato alle Betulle, è caratterizzato dal cappello color biancastro, grigio-bianco-olivastro, sempre molto pallido con cappello eccedente;
  • Leccinum versipelle, cresce in montagna tra i Mirtilli o nei misti con Betulla e Faggio, ha il cappello aranciato con sfumature rosse più o meno accentuate e tendenza più all’ocra-mattone. Ha il gambo riccamente ornato da scaglie nere, la carne vira al grigio-violaceo;
  • Leccinum vulpinum, ha i colori tipici dei Leccini rossi ma si distingue per il suo habitat che è quello dell’Abete rosso;
  • Leccinellum crocipodium, poco diffuso al Nord, salvo in caldi boschi termofili di Quercia, ben più comune tra centro e sud Italia, in particolar modo negli ambienti mediterranei, si riconosce per il suo cappello color ocraceo chiaro, per il gambo che tende ad esser ventricoso e per il viraggio della carne, dapprima rosa, poi lilicina, infine violacea-nerastra. Poco apprezzato in cucina per il facile spappolamento della carne durante la cottura. Quasi simili i mediterranei Leccinellum corsicum e Leccinellum lepidum.

FOTOGALLERY DI LECCINUM SCABRUM

IL PORCINELLO GRIGIO / BETULLINO / LECCINO

Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio in fila indiana
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio
Leccinum scabrum Porcinello grigio
Leccinum scabrum, Porcinello grigio

ARGOMENTI CORRELATI A LECCINUM SCABRUM

Ti suggeriamo su Funghimagazine i seguenti argomenti correlati:

Leccinum scabrum©funghimagazine.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

funghimagazine.it