funghimagazine.it
Funghi Magazine - Il magazine on-line sui funghi d'Italia. Aggiornamenti funghi, articoli e notizie sui funghi, segnalazioni in tempo reale. dove nascono i funghi e la tabella sulle nascite e crescite dei funghi con il Semaforo dei Funghi

Tricholoma saponaceum – funghi tossici

É un fungo micorrizico molto comune dal mare ai monti, che vegeta in qualsiasi tipo di bosco e persino nei prati, sovente in grandi gruppi anche concresciuti. Non commestibile e persino tossico

0 1.414

Tricholoma saponaceum (Fr. : Fr.) Kummer

Divisione:Basidiomycota
Classe:Basidiomycetes
Ordine:Agaricales
Famiglia:Tricholomataceae
Genere:Tricholoma
Specie:Tricholoma saponaceum
Nome comune:Non ha nomi comuni particolari
Tipo nutrimento:Simbionte-Micorrizico
Periodo vegetativo:Dall’estate ad inizio inverno.
Commestibilità o Tossicità:non commestibile-tossico

Habitat – Ecologia:

Il Tricholoma saponaceum è un fungo cosiddetto ‘ubiquitario’ perché è in grado di vegetare in qualunque luogo ed ambiente, dal mare ai monti, fino al limite della vegetazione arborea. Fruttifica indifferentemente tra conifere, latifoglie, ma anche in mezzo ai prati, adattandosi a creare simbiosi con qualunque specie vegetale, anche erbacea. Dove trova condizioni ideali, fruttifica a grandi gruppi anche concresciuti con esemplari pure di grossa taglia.

Alberi simbionti:

Qualunque conifera o latifoglia e pure specie erbacee.

Come riconoscerlo:

Il Tricholoma saponaceum prende il nome dal latino saponaceussaponaceo → ed infatti possiede un odore di sapone di Marsiglia o di sapone alla lavanda, che può essere più o meno intenso, a seconda delle condizioni climatiche, con odore che risulta più marcato in periodi asciutti, e meno intenso in periodi fortemente umidi-piovosi.

Il cappello è caratteristico, dai cromatismi un po’ variabili tra il verdastro, ocra-grigiastro, grigio, olivastro, grigio-olivastro e persino grigio-brunastro con sfumature verdastre o color piombo ma, in caso di piogge frequenti può presentarsi anche quasi del tutto decolorato con cromatismi di fondo biancastri e leggere sfumature tendenti al beige, marroncino, verdognolo.

Questo risulta inizialmente emisferico-convesso, poi più o meno aperto fino a leggermente appianato con margine inizialmente involuto (contorto-avvolto) poi ben disteso e talvolta persino lobato, con cuticola che può risultare leggermente squamosa o rugosa ma anche liscia e viscida a seconda dell’andamento climatico.

Gambo tozzo e duro ma anche flessuoso negli esemplari piccoli, di colore bianco-grigiastro, ma rosato alla base, con superficie variabile tra liscia e fibrillosa.

Se possiede squamette queste gli conferiscono un colore più scuro.

Lamelle di colore biancastro con sfumature verdognole, carne leggermente rosacea.

Note – Curiosità:

Il Tricholoma saponaceum è un fungo considerato non commestibile per via del suo sgradevole odore saponaceo con gusto amaro, frequentemente responsabile anche di sindromi gastroenteriche, perciò considerato universalmente tossico.

É un fungo molto bello da fotografare per via delle agglomerazioni di funghi concresciuti, con cappelli dai cromatismi variabili da soggetto a soggetto, pur nella stessa conurbazione di funghi.

Potrebbero interessarti anche le schede di altri funghi della stessa Specie:

Di seguito l’elenco completo delle schede già pubblicate nell’ATLANTE DEI FUNGHI di questo sito

Fotogallery di Tricholoma saponaceum:

ATTENZIONE:

Le immagini e le informazioni riportate su funghimagazine.it sono puramente indicative e non possono sostituire l’accertamento effettuato da un professionista. 

NON AFFIDARTI MAI completamente ad una guida on-line o a libri di testo per il riconoscimento di una nuova specie fungina mai raccolta prima, a meno che tu non abbia competenze tecniche micologiche.
Guide, manuali ed articoli descrittivi hanno solo e soltanto scopo didattico.
Esistono centri specializzati presso le ASL (Ispettorati Micologici) o presso le Associazioni Micologiche che sono preposti per il riconoscimento e l’accertamento della commestibilità dei funghi. ‼
ISPETTORATI MICOLOGICI IN ITALIA


PRIMA DI CONSUMARE FUNGHI A TE SCONOSCIUTI, TI RACCOMANDO DI RIVOLGERTI PER IL RICONOSCIMENTO AD UNA ASL, OPPURE AD UNA DELLE TANTE ASSOCIAZIONI MICOLOGICHE

Puoi cercare l’associazione Micologica più vicina a te consultando il sito A.M.B. Associazione Micologica Bresadola, la più antica d’Italia che coordina la gran parte delle Associazioni Micologiche locali.

Oppure puoi consultare il sito A.M.I.N.T Associazione Micologica Italiana Naturalistica Telematica, infine, puoi consultare il sito Nuovamicologia.eu-Associazioni Micologiche Italiane.

Se ritieni che questa guida non sia sufficientemente esaustiva, oppure se hai altre curiosità, potrai scrivermi o puoi lasciare un commento a fondo pagina.

Questa scheda è stata realizzata da Angelo Giovinazzo basandosi su ripetute esplorazioni sul campo effettuate nel corso degli ultimi decenni, e su segnalazioni dei lettori di funghimagazine.it

ATLANTE DEI FUNGHI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: