funghimagazine.it
Funghi Magazine - Il magazine on-line sui funghi d'Italia. Aggiornamenti funghi, articoli e notizie sui funghi, segnalazioni in tempo reale. dove nascono i funghi e la tabella sulle nascite e crescite dei funghi con il Semaforo dei Funghi

Rizomorfe

Le Rizomorfe son formazioni miceliari simili a un apparato radicale, formate da ife fascicolate tenaci e ben ramificate, aventi funzione sia di ancoraggio al substrato-suolo che di nutrimento

Rizomorfe (Rizomorfa)

In inglese: Rhysomorpha

Fanno parte dei caratteri morfologici dei funghi, così come pure dei caratteri distintivi, perché la loro presenza su di alcune specie fungine, ci fa individuare più facilmente la Specie di appartenenza.

Di solito non si utilizza questo termine al singolare perché, difficilmente alla base, per esempio di un fungo Porcino, troveremo una sola pseudo-radice, una sola rizomorfa, ma se ne troveranno diverse, agglomerate le une alle altre. Ad ogni modo il termine ‘rizomorfo‘ significa: “simile ad una radice“.

Come avrai già vagamente intuito, si tratta dunque di qualcosa che può somigliare a radici, pseudo-radici, e che sta alla base dei carpofori, dei corpi riproduttivi dei funghi.

Si tratta esattamente di formazioni miceliari (micelio particolare), in tutto e per tutto simili ad un apparato radicale, formate da ife fascicolate, il cui colore cambia tra esterno ed interno, più o meno grandi, anche molto lunghe, tenaci, e ben ramificate, che si trovano alla base del gambo, la cui funzione è sia di ancoraggio al substrato-suolo, che di acquisizione di nutrimento.

All’atto pratico, per farti meglio capire di cosa si sta parlando, sappi che le rizomorfe sono quella porzione di radichette che, assai frequentemente rimangono attaccate al fungo Porcino (o altro fungo), insieme con residui di lettiera (foglie o humus), quando lo estraiamo dal suolo troppo frettolosamente, senza aver prima effettuato l’operazione della ‘torsione’ del fungo (carpoforo).

Operazione che consiste nel ‘torcere’ il fungo, prendendolo dal piede e facendolo ruotare leggermente, come se lo si stesse svitando, così da poter danneggiare il meno possibile il micelio.

Tecnicamente, le rizomorfe sono costituite da una massa miceliare, in cui le cellue si sviluppano all’apice del micelio stesso, conferendogli così l’aspetto di un vero e proprio apparto radicale.

Attenzione però a non confondere piccole porzioni di micelio bianchiccio, che potrebbe venire accidentalmente estratto frettolosamente dal terreno, all’atto di estrazione del fungo. Le rizomorfe le riconosci perché sembrano in tutto e per tutto a vere e proprie radici di vegetali.

Studi in laboratorio su funghi coltivati, hanno stabilito che queste strutture si formano per deficit di azoto amminico in cui assenza, le ife fungine si affastellano in senso longitudinale ed in modo apicale, crescendo molto rapidamente.

In ambito micologico sono molto note le rizomorfe di Armillaria mellea, perché assai frequenti e ben evidenti ma, sono diverse le Specie fungine che possono, all’occorrenza presentare pseudo-radici ben evidenti.

Di solito i funghi lignicoli (funghi parassiti degli alberi) presentano importanti formazioni miceliari a rizomorfa, che si diffondono rapidamente al di sotto delle cortecce delle piante parassitate. Sono facilmente riconoscibili per l’aspetto di un cordoncino del diametro di 1-3 mm il cui colore varia dal bruno-rossastro al bruno-nero o nero. Sono costitutite da uno spesso strato esterno di micelio nero che avvolge uno strato di micelio interno biancastro. Possono formare fitte reti sotto le cortecce ma anche all’interno delle piante infette, allargando a macchia d’olio l’infezione anche verso piante limitrofe.

🌳 In botanica, sono dette rizomorfe anche le radici di alcuni alberi tropicali, tra cui alcuni Ficus o Sterculia, la cui caratteristica è quella di svilupparsi a raggiera formando caratteristiche pseudo-radici laminari di colore bruno-nero.

In foto, particolare su rizomorfe laminari di colore grigio-nerastro, di seguito rizomorfe ben evidenti attaccate al piede di Xerocomellus pruinatus:

 

Rizomorfe
↑ particolare di formazione miceliare a rizomorfa lamellare

Rizomorfe xerocomellus

I commenti sono chiusi.