Pleurotus ostreatus copertina
Pleurotus ostreatus copertina

Pleurotus ostreatus – fungo-gelone – Ottimo commestibile

PLEUROTUS OSTREATUS o Fungo Gelone

Pleurotus ostreatus (Jacq.) P. Kumm., Führ. Pilzk. (Zerbst) (1871)

Sinonimi obsoleti:

  • Agaricus allochrous var. ochraceus (Pers.) Pers., Mycol. eur. (Erlanga) 3: 38 (1828)
    Agaricus conchatus subsp. ostreatus (Jacq.) Romell, in Krok & Almquist, Svensk Flora för skolor, II. Kryptogamer (edn 2) (Stockholm): 173 (1898)
    Agaricus fuligineus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 427 (1801)
    Agaricus glandulosus Bull., Herb. Fr. (Paris) 9: pl. 426 (1789)
    Agaricus glandulosus var. horizontalis Alb. & Schwein., Consp. fung. (Leipzig): 227 (1805)
    Agaricus macropus (Bagl.) Bagl., Nuovo G. bot. ital. 18(3): 244 (1886)
    Agaricus ochraceus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 443 (1801)
    Agaricus ostreatus Jacq., Fl. austriac. 2: 3 (1774)
    Agaricus ostreatus subsp. glandulosus (Bull.) G. Winter, Rabenh. Krypt.-Fl., Edn 2 (Leipzig) 1.1: 736 (1882) [1884]
    Agaricus ostreatus subsp. gyrinus Pers., Mycol. eur. (Erlanga) 3: 36, tab. 25:2 (1828)
    Agaricus ostreatus var. atroalbus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 477 (1801)
    Agaricus ostreatus var. dryadeus Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 183 (1821)
    Agaricus ostreatus var. flavocinereus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 478 (1801)
    Agaricus ostreatus var. flavovirens V. Brig., in Briganti & Briganti, Hist. fung. Neapol. (Neapoli): tab. 44, figs 1-3 (1848)
    Agaricus ostreatus var. fuscescens Alb. & Schwein., Consp. fung. (Leipzig): 228 (1805)
    Agaricus ostreatus var. glaucoumbrinus Schumach., Enum. pl. (Kjbenhavn) 2: 362 (1803)
    Agaricus ostreatus var. macropus Bagl., Erb. critt. Ital., Ser. 2, fasc.: no. 337 (1871)
    Agaricus ostreatus var. melanoderma V. Brig., in Briganti & Briganti, Hist. fung. Neapol. (Neapoli): 121, tab. 45, fig. 1-3 (1844)
    Agaricus ostreatus var. nigripes Inzenga, Funghi Siciliani, stud. Giuseppe Inzenga (Palermo) 1: 48 (1865)
    Agaricus ostreatus var. reticulatus (Schumach.) Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 183 (1821)
    Agaricus reticulatus Schumach., Enum. pl. (Kjbenhavn) 2: 363 (1803)
    Agaricus revolutus J. Kickx f., Fl. Crypt. Flandres (Paris) 2: 158 (1867)
    Agaricus salignus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 478 (1801)
    Agaricus salignus a. ochraceus (Pers.) Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 183 (1821)
    Agaricus salignus var. fuligineus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 478 (1801)
    Agaricus salignus var. ochraceus Pers., Syn. meth. fung. (Göttingen) 2: 478 (1801)
    Clitocybe ostreata (Jacq.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 32: 87 (1879)
    Clitocybe ostreata var. glandulosa (Bull.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 32: 87 (1879)
    Clitocybe saligna (Pers.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 32: 87 (1879)
    Crepidopus ostreatus (Jacq.) Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 616 (1821)
    Crepidopus ostreatus var. atroalbus Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 616 (1821)
    Crepidopus ostreatus ß atroalbus Gray, Nat. Arr. Brit. Pl. (London) 1: 616 (1821)
    Dendrosarcus glandulosus (Bull.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(3): 464 (1898)
    Dendrosarcus nigripes (Inzenga) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(3): 464 (1898)
    Dendrosarcus ostreatus (Jacq.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(3): 464 (1898)
    Dendrosarcus revolutus (J. Kickx f.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(3): 464 (1898)
    Dendrosarcus suberis (Pat.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(3): 464 (1898)
    Panus carpathicus Fr. ex Kalchbr., Mathem. Természettud. Közlem. 5: 256 (1867)
    Pleuropus atroalbus (Pers.) Zawadzki, Enum. plant. Galic. Bucow. (Breslau): 171, n° 2749 (1835)
    Pleuropus ostreatus (Jacq.) Zawadzki, Enum. plant. Galic. Bucow. (Breslau): 171, n° 2748 (1835)
    Pleurotus conchatus subsp. ostreatus (Jacq.) Romell, in Krok & Almquist, Svensk Flora för skolor, II. Kryptogamer (edn 2) (Stockholm): 220 (1932)
    Pleurotus glandulosus (Bull.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 346 (1876) [1878]
    Pleurotus ostreatus f. carpathicus (Fr. ex Kalchbr.) Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 120 (1935)
    Pleurotus ostreatus f. florida Cetto, I Funghi dal Vero (Trento) 5: 419 (1987)
    Pleurotus ostreatus f. peregrinus (Hazsl.) Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 121 (1935)
    Pleurotus ostreatus f. polonicus F. Teodorowicz, Acta Soc. Bot. Pol. 14(4): 307 (1937)
    Pleurotus ostreatus f. salignus (Pers.) Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 119 (1935)
    Pleurotus ostreatus f. subalutaceus Malençon & Bertault, Trav. Inst. Sci. Chérifien, Sér. Bot. Biol. Veg. 33: 467 (1975)
    Pleurotus ostreatus f. suberis (Pat.) Malençon & Bertault, Trav. Inst. Sci. Chérifien, Sér. Bot. Biol. Veg. 33: 468 (1975)
    Pleurotus ostreatus subf. glandulosus (Bull.) Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 119 (1935)
    Pleurotus ostreatus subf. hirsutus Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 119 (1935)
    Pleurotus ostreatus subf. typicus Pilát, Atlas Champ. l’Europe, II: Pleurotus Fries (Praha): 118 (1935)
    Pleurotus ostreatus var. appalachiensis O. Hilber, Mitteil. Versuchsanstalt für Pilzanbau der Landwirtschaftskammer Rheinland Krefeld-Grosshüttenhof 16: 60 (1993)
    Pleurotus ostreatus var. flavocinereus (Pers.) Sacc., Syll. fung. (Abellini) 5: 356 (1887)
    Pleurotus ostreatus var. flavovirens (V. Brig.) Sacc., Syll. fung. (Abellini) 5: 356 (1887)
    Pleurotus ostreatus var. glandulosus (Bull.) Fr., Hymenomyc. eur. (Upsaliae): 174 (1874)
    Pleurotus ostreatus var. magnificus Peck, Bull. N.Y. St. Mus. 167: 36 (1913) [1914]
    Pleurotus ostreatus var. melanodon (V. Brig.) Sacc., Syll. fung. (Abellini) 5: 356 (1887)
    Pleurotus ostreatus var. nudipes Boud., Bull. Soc. mycol. Fr. 13(1): 11 (1897)
    Pleurotus ostreatus var. praecox E. Ludw., Pilzkompendium (Eching) 1([2]): 567 (2001)
    Pleurotus ostreatus var. stipitatus Scalia, Atti Accad. Giorn. di Sci. Natur., Catania, Ser. IV 13: 20 (1900)
    Pleurotus peregrinus Hazsl.
    Pleurotus revolutus (J. Kickx f.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 347 (1876) [1878]
    Pleurotus salignus (Pers.) P. Kumm., Führ. Pilzk. (Zerbst): 105 (1871)
    Pleurotus suberis Pat., J. Bot., Paris 8(12): 212 (1894)

PLEUROTUS OSTREATUS (Jacq.) P. Kumm., 1871
Fungo Gelone

Divisione:Basidiomycota
Classe:Basidiomycetes
Ordine:Agaricales
Famiglia:Pleurotaceae
Genere:Pleurotus
Specie:Pleurotus ostreatus
Nome italiano:Fungo gelone
Tipo nutrimento:Saprofita-lignicolo, anche Carnivoro
Periodo vegetativo:Primaverile, precoce, autunno-inverno (assente col caldo)
Commestibilità o Tossicità:Ottimo commestibile 

Scheda illustrativa:

Pleurotus ostreatus scheda illustrativa
Pleurotus ostreatus scheda illustrativa

Il suo nome scientifico è Pleurotus ostreatus (Jacq.) P. Kumm., Führer Pilzk. (Zwickau)

Di certo questo fungo invernale lo avrai sentito nominare col più comune nome di Fungo Orecchione, Fungo Ostrica, Sbrise o Gelone.

Si tratta di uno dei più comuni funghi al mondo.

É noto anche per essere uno dei funghi più facilmente coltivabili e per le sue indiscusse qualità organolettiche, ma anche per le sue proprietà terapeutiche.

Fungo Orecchione o Fungo Ostrica-Gelone – Pleurotus ostreatus
Pleurotus Ostreatus-Funghi Invernali-Gelone-Max Vivaldi

Fungo Orecchione o Fungo Ostrica-Gelone – Pleurotus ostreatus

I NOMI DIALETTALI DEL NORD ITALIA:

  • Piemonte: qua il Pleurotus Ostreatus è detto: Orcilleties, Cresta d’ gal, Urgêla, Auriun
  • Lombardia: Bortolàn, Carnetta, Ciaccer, Orgel, Founs de nebia, Fons de nebbia, Perùna, Ciaciar, Orège, Peerune, Peerune de albera, Minine, Mignine, Garganèle,
  • Trentino: Reccia de Morar
  • Veneto: Bertolana, Melina, Recia de Morar, Fongo del Consegio, Recia, Sbrisa
  • Emilia Romagna: Bartulana, Urciòun, Mlèina, M’leina negra, Sfiandrèna

LE DENOMINAZIONI DIALETTALI DEL CENTRO ITALIA:

  • Toscana: Cardela, Cardella, Gerone, Caldarella, Caldarello, Orcella
  • Marche: Gradarelle
  • Umbria: è la regione che vanta la più vasta quantità di nomi dialettali per il Pleurotus Ostreatus, ad indicarne la sua maggior diffusione.
  • Questi i nomi più diffusi in Umbria:
  • Arcello, Brumajo d’albero, Caldarella, Cardarella nera de pioppo, Cardarella de pioppo, Cresta del gallo, Cardarello da ceppo, Cardarella d’oppio, Cardarello, Cardarello di pioppo
  • Faldella, Fungo d’albero, Fungo del ceppo, Fungo del cerro, Fungo del faggio, Fungo d’oppio, Fungo de pioppo, Fungo de pioppo nero
  • Grifa, Lingua, Lenguetta, Linguetta, Margherita de pioppo, Nazza, Orcello, Orecchietta, Orecchiola, Orecchia del lepre, Orechiella, Paletta, Recchia, Recchiozza, Recchiozza de pioppo,  Recchiola d’arbuccio,  Recchia de prete
  • Lazio: Colombìnus, Orécchie, Pleròtues, Plètos, Pleuròtos, Plèurus, Plèus, PleutòruS

ED INFINE, I NOMI DIALETTALI DEL SUD ITALIA e ISOLE:

  • Campania: Aurecchia di cierro, Ricchione, Fungio de noce, Frenga de noce
  • Basilicata: Pennella
  • Puglia: Pleur cultvet, Fungu ti fica
  • Calabria: Fungiu da pastuzzu, Fungio pastaccio, Lardarico, Latteru, Pinella, Pinnella ‘e chiuppu
  • Sardegna: Cardolinu ‘e matta
  • Sicilia: Fungi d’a codda, Fungi da nipitedda, Funcia di nipitedda, Funciu di traversa, Funcia diolivella, Funcia di traversa

DESCRIZIONE E RICONOSCIMENTO DEL FUNGO PLEUROTUS OSTREATUS

Se stai leggendo questa guida, probabilmente non hai ancora mai visto dal vivo e/o raccolto il fungo Pleurotus Ostreatus. Occorre perciò darti delle buone dritte.

Pleurotus Ostreatus
Pleurotus Ostreatus o Gelone, foto: Max Vivaldi

Se camminando in un bosco di pianura… meglio se in un bosco vicino ad un corso d’acqua, ti imbatti – su di un tronco, albero o ceppo – in uno strano fungo a forma d’orecchie, di colore che varia da bianco-grigio-beige, al nocciola-marrone-bruno-rossicio, all’antracite, con evidenti lamelle chiare ed un ottimo profumo dolciastro di farina, mandorla, nocciola, forse ti sei imbattuto proprio in una colonia di Pleurotus Ostreatus.

HABITAT E DIFFUSIONE

Anzitutto, il Pleurotus Ostreatus, è un fungo lignicolo, ovvero non vegeta sulla terra ma sul legno. In secondo luogo, è un fungo saprofita, ovvero è un fungo che concorre alla decomposizione degli alberi morti o abbattuti dal vento, perciò non attacca gli alberi ancora in vita.

É curiosamente un fungo carnivoro

Il suo micelio può attaccare, uccidere e digerire alcuni vermi microscopici detti nematodi, spesso presenti sotto le cortecce in disgregazione. Ciò accade perché, così facendo, il fungo ricava il suo fabbisogno di azoto.

HABITAT ETEROGENEO

Pleurotus ostreatus cresce ovunque vi sia un clima temperato sul nostro pianeta, risultando assente dalle coste del Pacifico del Nord America, nei climi Temperati e Sub-Tropicali, ovviamente in zone aride-desertiche, quindi in presenza di caldo. Necessita di climi temperati-umidi, meglio se freddi o persino gelidi, non a caso è anche detto Fungo Gelone.

Non cresce a terra ma solamente su ceppi o piante morte, di solito su piante morte da almeno un anno, associato quasi esclusivamente alle Latifoglie, non alle Conifere. In Grecia-Egeo e nei paesi Jonici adiacenti (poche colonie sono presenti anche in Calabria), esiste tuttavia l’unica Conifera in grado di esser colonizzata dal Pleurotus Ostreatus, si tratta un endemismo di Abete bianco detto Abies cephalonica o Abete di Cefalonia.

Trattandosi di fungo lignicolo-saprofita, per andare a colpo sicuro, devi individuare nei boschi gli alberi che sono morti spontaneamente o che sono rovinati a terra a seguito di temporali, fulmini o colpi di vento.

Pleurotus Ostreatus-Funghi Invernali-Gelone-Max Vivaldi
Pleurotus Ostreatus-Funghi Invernali-Gelone-Max Vivaldi

Devi però dargli del tempo, prima di visionare gli alberi abbattuti, perché l’attacco inizia solo 1 o 2 anni dopo la morte dell’albero ospitante. Entro 2 o al massimo 3 anni l’attacco termina e la colonia si estingue.

 Non tutti sanno che il Pleurotus Ostreatus cresce anche sugli spessi strati di segatura a seguito del taglio di un bosco, a patto che questo non sia stato completamente disboscato.

Fungo Orecchione o Fungo Ostrica-Gelone – Pleurotus ostreatus

GLI AMBIENTI PREFERITI

Nel Nord America e nei paesi nordici europei, il Pleurotus ostreatus è noto per esser quasi sempre associato al Faggio.

In Italia è invece poco comune nei boschi di faggio delle Alpi, più comune in quelli della Liguria e dell’Appennino interno. In generale nella nostra penisola, è più comune nei boschi planiziali e fluviali, in ambiente umido, anche detto ambiente igrofilo, di transizione o mesofilo. Più sporadicamente anche in ambiente xerofilo-secco ed eliofilo-arioso, ma solo dopo ottime e frequenti piogge per lo più autunnali-invernali. Meno comune in ambienti Mediterranei e di alta montagna.

Puoi approfondire la conoscenza degli ambienti boschivi italiani, consultando il mio e-book ► COME SI NUTRONO I FUNGHI
I SISTEMI NUTRIZIONALI DEI FUNGHI – CONOSCERLI PER CAPIRE DOVE, COME, QUANDO E PERCHÉ NASCONO I FUNGHI.

Gli alberi preferiti dal Pleurotus Ostreatus sono il Pioppo selvatico, il Pioppo bianco o coltivato, il Pioppo tremulo o Nero, Salici, Olmi e più raramente Querce, Aceri, Platani. Negli orti e nei giardini attacca anche gli alberi da frutta, primi tra tutti Gelsi, Pruni, Susini, Meli, Peri e Noci morti da poco. Nelle grandi coltivazioni attacca anche gli sfalci del Kiwi.

Pleurotus Ostreatus-Funghi Invernali-Gelone-Max Vivaldi
Pleurotus Ostreatus-Funghi Invernali-Gelone-Max Vivaldi

Nel Centro Italia ed in Campania però abbonda anche sul Cerro. In Umbria è infatti detto “Fungo del cerro”, in Campania “Aurecchia di cierro”. Sempre in Campania, dove vi sono vaste coltivazioni di Noci di Sorrento, è detto “Fungio de noce” o “Frenga de noce”, proprio perché attacca i noci morti.

Non disdegna neppure il Fico (in Puglia è infatti detto “Fungu ti fica”) e l’ulivo (in Sicilia è detto “Funcia di olivella”).

DOVE E QUANDO

Il nome volgare di questo fungoGELONE” suggerisce che si tratta di un insolito fungo che ama il freddo, persino il gelo, purché non estremo.

Il suo periodo di vegetazione è piuttosto ampio e va dalla fine dell’autunno, con l’arrivo dei primi freddi, fino all’inizio della primavera con l’arrivo dei primi caldi. Si tratta quindi di un fungo tipicamente invernalem di un fungo del freddo. Se in pieno inverno il clima si addolcisce leggermente, le nebbie si infittiscono producendo leggerissime e fitte pioviggini nebulizzate che non gelano, ne beneficia sicuramente questo fungo.

Non appena arrivano piogge corpose o si sono da poco sciolte le nevi, questi sono i momenti più giusti per cercare i geloni, non a caso, anche detti funghi delle nebbie.

Anche quando fa molto freddo però, cerca là dove grosse cortecce si sono già staccate dall’albero offrendo un buon riparo dai venti gelidi o comunque, dal lato opposto rispetto ai freddi venti dominanti. Ma se invece soffia lo Scirocco, cercali sul lato più esposto all’umido vento di mare.

Il Pleurotus Ostreatus, Cardarella o Orecchia, ha la sua massima diffusione in Umbria dove abbondano maggiormente gli ambienti freddi-umidi adatti a questo fungo. Non a caso qua c’è la massima diffusione di nomi dialettali. La valle Tiberina, ma anche la val d’Arno, sono ottimi habitat per questo gustoso fungo invernale che ama tutti gli ambienti boschivi prossimi a fiumi o corsi d’acqua.

Non perdere tempo a cercarlo se l’inverno si presenta secco, privo di nebbie, di piogge e di neve. Anche se le temperature restano costantemente bassine o persino quasi gelide, se rimane forte umidità e cade costante la pioggia, vi sono comunque le condizioni ideali per la vegetazione di questo fungo.

CURIOSITÀ, QUALITÀ TERAPEUTICHE E COLTIVAZIONE

Il fungo Pleurotus Ostreatus, e gli altri simili appartenenti alla stessa famiglia, godono a livello planetario di ottima reputazione. Sono infatti universalmente considerati ottimi commestibili, completamente privi di tossine e, ricchi di importanti proprietà nutrizionali e terapeutiche.

I funghi che trovi in vendita al supermercato sono simili, quasi identici ma di colore più chiaro, tendente al crema-beige-nocciola, ve ne sono anche alcuni di colore giallo. Veceversa, quelli che trovi in natura risentono maggiormente dei fenomeni ambientali ed atmosferici che ne cambiano leggermente aspetto e colore. Più pigmenti colorati all’aria aperta e meno nelle serre di coltivazione.
I Pleurotus coltivati sono più teneri. Sono invece più sodi, carnosi o leggermente elastici quelli selvatici, soprattutto a seguito di improvvisi colpi di vento che seccano il fungo ed il legno.

Puoi acquistare kit per la coltivazione di funghi Pleurotus seguendo questi link:

4 pezzi kit coltivazione funghi pleurotus-cardoncello substrato panetti funghi

10 PANI DI FUNGHI PLEUROTUS ERYNGII CARDONCELLI coltivazione su substrato e ceppo-balletta 

10 pezzi kit coltivazione funghi pleurotus-cardoncello substrato panetti funghi

2 kit coltivazione funghi pleurotus cardoncello panetti – Il più venduto ed anche economico

Fungo Orecchione o Fungo Ostrica-Gelone – Pleurotus ostreatus

PROPRIETÀ TERAPEUTICHE

IL FUNGO CHE COMBATTE IL COLESTEROLO

Sicuramente avrai già sentito parlare delle qualità terapeutiche di questo ottimo fungo. Tutte vere e non le solite “fake” news che girano in rete. A renderlo un fungo dalle mille qualità sono soprattutto i β-glucani (o beta-glucani). Questi sono normalmente presenti nel 60% delle pareti cellulari dei funghi ma presenti in quantità assai maggiore nel Pleurotus Ostreatus. Queste sostanze portano grandi benefici alla digestione ed alle corrette attività intestinali, oltre a rafforzare il sistema immunitario.

I Pleurotus Ostreatus contengono le maggiori quantità di lovastatina, una sostanza naturale prodotta soprattutto da questo fungo e dal Riso rosso, dalle benefiche qualità anti-colesterolo. Statine usate dalle case farmaceutiche per produrre medicinali adatti per la riduzione dell’ipercolesterolemia.

Non solo, studi recenti hanno dimostrato che alcune sostanze contenute nel Pleurotus Ostreatus aiutano a rafforzare il sistema immunitario, hanno azione antinfiammatoria, favoriscono l’anti-aggregazione delle piastrine ed hanno effetti antiossidanti.

In particolar modo, sono attribuiti a questo fungo le seguenti sostanze, alcune presenti anche in buone quantità:

  • Acido-γ-aminobutirrico (GABA), ansiolitico (Chirinang P, Intarapichet KO. (2009): “Amino acids and antioxidant properties of the oyster mushrooms, Pleurotus ostreatus and Pleurotus sajorcaju.” Science Asia, 35: 326-331).
  • Adenosina, vasodilatatore e ansiolitico.
  • Beta-glucani, hanno un potente effetto antinfiammatorio, antidolorifico e antibiotico ad ampio spettro (Nosal’ova V, Bobek P, Cerna S, Galbavý S, Stvrtina S. (2001): “Effects of pleuran (beta-glucan isolated from Pleurotus ostreatus) on experimental colitis in rats.” Physiological research/Academia Scientiarum Bohemoslovaca, 50(6): 575-581Bergendiova K, Tibenska E, Majtan J. (2011): “Pleuran (β-glucan from Pleurotus ostreatus) supplementation, cellular immune response and respiratory tract infections in athletes.” European journal of applied physiology, 111(9): 2033; Iwalokun BA, Usen UA, Otunba AA, Olukoya DK. (2007): “Comparative phytochemical evaluation, antimicrobial and antioxidant properties of Pleurotus ostreatus.” African Journal of Biotechnology, 6(15): 1732-1739).
  • Chitosano, riduce l’assorbimento intestinale del colesterolo e dei grassi (Synytsya A, Míčková K, Synytsya A, Jablonský I, Spěváček J, Erban V, Čopíková J. (2009): “Glucans from fruit bodies of cultivated mushrooms Pleurotus ostreatus and Pleurotus eryngii: Structure and potential prebiotic activity.” Carbohydrate Polymers, 76(4): 548-556; P. Bobek, M. Hromadová; L. Ozdín, Oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) reduces the activity of 3-hydroxy-3-methylglutaryl CoA reductase in rat liver microsomes., in Experientia, vol. 51, n. 6, giugno 1995, pp. 589-91, PMID 7607302; DI. Abrams, P. Couey; SB. Shade; ME. Kelly; N. Kamanu-Elias; P. Stamets, Antihyperlipidemic Effects of Pleurotus Ostreatus (Oyster Mushrooms) in HIV-Infected Individuals Taking Antiretroviral Therapy., in BMC Complement Altern Med, vol. 11, n. 1, agosto 2011, p. 60, DOI:10.1186/1472-6882-11-60, PMID 21831304; N. Gunde-Cimerman, A. Plemenitas; A. Cimerman, Pleurotus fungi produce mevinolin, an inhibitor of HMG CoA reductase., in FEMS Microbiol Lett, vol. 113, n. 3, novembre 1993, pp. 333-7, PMID 8270199 ).
  • Ergotioneina, ha proprietà antiossidanti e protettive per malattie associate all’invecchiamento (Biological properties whose expression or activity varies on exposure of a biological system to ergothioneine (ERG) or a modulation of SLC22A4 activity, su ncbi.nlm.nih.gov).
  • Lovastatina, Tra le sostanze più note nella categoria delle statine, molecole con attività ipocolesterolemizzante (che riducono il colesterolo) (J. Alarcón, S. Aguila, Lovastatin production by Pleurotus ostreatus: effects of the C:N ratio., in Z Naturforsch C, vol. 61, n. 1-2, pp. 95-8, PMID 16610224 ).

Un toccasana per la salute ma, attenzionele informazioni riportate in questo articolo, non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti potrebbero essere estratti soltanto con trattamenti industriali. Queste indicazioni non sostituiscono il parere medico.

SCOPERTE RIVOLUZIONARIE SUI PLEUROTUS OSTREATUS

Sono numerosissimi gli studi che si stanno effettuando nel mondo intero legati a questo fungo dalle mille qualità e proprietà. Gli studi legati ai beta-glucani ed alla lovostatina ormai sono affermati e di largo utilizzo nell’industria farmaceutica.

Tra i più recenti ed innovativi forse la scoperta più interessante è che, alcuni ricercatori Messicani, hanno dimostrato che il micelio del Pleurotus Ostreatus è in grado di abbattere e disintegrare completamente i pannolini usa e getta. Una scoperta non da poco viste le difficoltà attuali nello smaltimento di questo ingombrante rifiuto prodotto in quantità sempre maggiori. Oggi sappiamo inoltre che questo fungo è anche in grado di digerire alcune plastiche.

Problemi di smaltimento degli imballaggi di polistirene espanso derivati dal petrolio?

Ora non più. Dagli Stati Uniti d’America (stato del Vermount) arriva la notizia che il Micelio del Pleurotus Ostreatus coltivato, è stato efficacemente usato per produrre un isolante naturale alternativo alle plastiche.  Questo nuovo isolante si chiama Greensulateè naturalmente ignifugo e non ha bisogno di essere trattato chimicamente. La natura colonizzatrice e parassitaria delle spore di funghi, in particolar modo del Pleurotus Ostreatus, trasforma facilmente le materie prime di Greensulate in un isolante schiumoso.

Quando la natura ci aiuta a produrre nuove sostanze naturali che difendono la natura stessa dall’invadenza della chimica.

PHOTOGALLERY

Pleurotus ostreatus Aggiornamento funghi 12-01-2024
Pleurotus ostreatus Aggiornamento funghi 12-01-2024
Pleurotus ostreatus Aggiornamento funghi 12-01-2024
Pleurotus ostreatus Aggiornamento funghi 12-01-2024
02-febbraio-funghi-2023-pleurotus-ostreatus2
02-febbraio-funghi-2023-pleurotus-ostreatus
12-dicembre-funghi-2023-pleurotus-ostreatus-1
12-dicembre-funghi-2023-pleurotus-ostreatus
02-febbraio-funghi-2023-pleurotus-ostreatus
02-febbraio-funghi-2023-pleurotus-ostreatus
Aggiornamento funghi 16-12-2023
Aggiornamento funghi 16-12-2023 – Pleurotus ostreatus Piemonte@Foreste Mari e Crinali Instagram
Aggiornamento funghi 16-12-2023
Aggiornamento funghi 16-12-2023 – Pleurotus Piemonte Dicembre 2023
Natale con i Porcini, Pleurotus ostreatus
Natale con i Porcini, Pleurotus ostreatus in Sardegna. PH: Giordano Serra

Bibliografia:
  • Rodriguez N. “Insulation Made From Mushrooms?”. This Old House Magazine, Time Inc.
  • Stamets, Paul (2000). “Chapter 2+Chapter 21: The Role of Mushrooms in Nature”. Growing gourmet and medicinal mushrooms = [Shokuyo oyobi yakuyo kinoko no sabai] (3rd ed.). Berkeley, California, USA: Ten Speed Press. pp. 10–11. ISBN 978-1-58008-175-7.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.